Animali

Il mitico dodo era un piccione gigante

Non somigliava a un grosso avvoltoio, come ipotizzato finora. Lo rivela la prima accurata analisi dell'unico scheletro intero del pennuto ormai estinto, vissuto a Mauritius fino a fine Seicento.

Nessuno di noi li ha mai visti dal vivo: si sono estinti tre secoli fa. Eppure i dodo hanno ispirato, con il loro portamento goffo, personaggi dei cartoni animati (li ritroviamo anche nel film L'era glaciale), fumetti, gioielli. Che aspetto avevano realmente?

Un'aria familiare. La prima analisi approfondita dell'unico scheletro completo rimasto del mitico uccello rivela una grande verità. Il dodo (Raphus cucullatus) non sembrava un avvoltoio, come spesso lo si raffigura. Somigliava piuttosto a un grosso piccione.

Un amaro destino. Il pennuto, alto circa un metro e incapace di volare, era diffuso nelle isole Mauritius da prima dell'arrivo dei coloni olandesi, nel 1598. In quell'ambiente senza predatori prosperava e aveva raggiunto dimensioni notevoli, ma i navigatori europei approdati nell'arcipelago dell'Oceano Indiano introdussero specie "aliene" - come ratti e maiali - che in breve tempo provocarono l'estinzione dell'uccello. I dodo scomparvero definitivamente nel 1693.

Un ricercatore scansiona l'unico scheletro completo di un singolo esemplare di dodo. © Leon Claessens and Mauritius Museums Council

Reperto prezioso. A quell'epoca il concetto di estinzione non era sentito e le ossa rimaste dell'uccello sono poche.

La maggior parte degli scheletri sono composti dai resti di più esemplari: solo uno, conservato al Museo di Storia Naturale di Port Louis, Mauritius, appartiene a un singolo esemplare.

Su questo, e su uno scheletro composito, si sono concentrate le analisi di paleontologi americani e spagnoli.

La verità nelle ossa. Grazie a uno scanner laser i ricercatori hanno esaminato le ossa e costruito un modello 3D dell'uccello, il più fedele possibile all'anatomia originale. Scoprendo che, a dispetto del becco robusto e del largo cranio, il dodo somigliava, per proporzioni e livello di aggressività, più a un piccione che a un rapace.

Meno aggressivo. La scoperta di ossa prima mai osservate nei reperti del pennuto, come le rotule, o le ossa delle anche, ha portato a ricostruire la camminata del volatile, e a ricalibrarne stazza e forza muscolare: il dodo era un po' meno paffuto di quanto si credesse. E anche un meno aggressivo del solitario di Rodriguez (Pezophaps solitaria), un columbiforme strettamente imparentato con esso, che usava le ali per combattere: al dodo manca una cresta ossea dello sterno, essenziale per compiere questo movimento.

Alimentazione. Le analisi sul becco sembrerebbero infine indicare che si nutriva di semi duri, forse anche di piccoli crostacei. E che dal suo approdo nell'arcipelago, 8 milioni di anni fa, abbia aumentato taglia 4, forse 8 volte più velocemente rispetto al ritmo dei suoi antenati. Interrotto soltanto dall'arrivo dell'uomo.

7 novembre 2014 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Albert Einstein amava la vita, la fisica e odiava le regole. Osteggiato in patria e osannato nel mondo, vinse molte battaglie personali e scientifiche. A cento anni dal Nobel, il ritratto del più
grande genio del Novecento che ha rivoluzionato le leggi del tempo e dello spazio. E ancora: la storia di Beppe Fenoglio, tra scrittura e Resistenza; l'impresa di Champollion, che 200 anni fa decodificò la stele di Rosetta e svelò i segreti degli antichi Egizi; contro il dolore, la fatica, la noia: le droghe naturali più usate nel corso dei secoli.

ABBONATI A 29,90€

Il sonno è indispensabile per rigenerare corpo e mente. Ma perché le nostre notti sono sempre più disturbate? E a che cosa servono i sogni? La scienza risponde. E ancora: pregi e difetti della carne, alimento la cui produzione ha un grande impatto sul Pianeta; l'inquinamento e le controindicazioni dell’energia alternativa per gli aerei; perché ballare fa bene (anche) al cervello. 

ABBONATI A 31,90€
Follow us