Animali

Il misterioso serpente riapparso dopo 80 anni

Dopo il primo avvistamento aveva fatto perdere le sue tracce, lasciando i biologi scettici sulla sua esistenza. Ora il rettile più schivo e solitario del mondo è ricomparso, e gli scienziati confermano: si tratta di una nuova specie.

Talmente elusivo da essere ritenuto, per molti anni, una semplice fantasia, un serpente notturno messicano si è fatto di nuovo vivo, dopo decenni di latitanza. Dando ragione al naturalista che per primo, negli anni '30 del '900, l'aveva descritto.

Il rettile in questione è un Hypsiglena ochrorhyncha unaocularus, endemico dell'Isla Clarión, nell'arcipelago messicano delle Islas Revillagigedo. Avvistato per la prima volta dal naturalista ed esploratore William Beebe nel 1936, non fu però trovato nelle successive spedizioni sull'isola, tanto da essere considerato un errore conseguente a un'annotazione sbagliata del biologo.

Ora una spedizione dello Smithsonian e dell'Istituto di Ecologia messicano ha rintracciato alcuni esemplari del serpente. Decretando che si tratta di una specie nuova, mai descritta prima di Beebe.

Serpenti per tutti i (dis)gusti
VAI ALLA GALLERY (N foto)

Frutto dell'immaginazione?
Nel corso della sua spedizione, Beebe raccolse una serie di campioni di animali mai osservati fino ad allora, che più tardi avrebbe donato al Museo di Storia Naturale Americano. Tra questi c'era anche un tipo di serpente notturno (Hypsiglena torquata), che Beebe identificò come una nuova sottospecie e ribattezzò Hypsiglena ochrorhyncha unaocularus.

Ma le abitudini solitarie del rettile ne fecero sparire, da allora in poi, le tracce. Tanto che gli appunti di Beebe furono a lungo considerati pura "fantasia". Finché Daniel Mulcahy, zoologo e autore del paper pubblicato su PLoS One, non ha svelato il mistero. Dopo aver osservato le scaglie del serpente conservato al museo, Mulcahy ha deciso di seguirne le "orme" e si è recato personalmente sulla Isla Clarión.

Di nuovo sul campo
Esplorando gli anfratti più nascosti delle rocce dell'isola, lo scienziato e la sua equipe hanno scovato 11 dei rettili descritti da Beebe. Il loro colore - marroni con isolati puntini neri - e le abitudini solitarie hanno fatto pensare che non si trattasse di una sottospecie, ma di una specie a parte di serpente notturno. Ipotesi confermata dalle analisi genetiche.

Insomma Beebe aveva ragione, concludono gli scienziati che sottolineano l'importanza delle ricerche sul campo nella tutela della biodiversità, patrimonio di cui oggi ricorre la Giornata Mondiale.

Ti potrebbero interessare anche:

Perché abbiamo tutti paura dei serpenti e perché questa fobia ci ha migliorato la vista
Perché i serpenti cambiano pelle?
Il serpente più letale al mondo
Quando i serpenti avevano le gambe

A sangue freddo
VAI ALLA GALLERY (N foto)

Riserve naturali e tutela della biodiversità: missione fallita?
VAI ALLA GALLERY (N foto)

22 maggio 2014 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La forza sovrumana del lottatore greco Milone, i pugni di acciaio di John L. Sullivan, la determinazione di Alfonsina Strada nel voler partecipare, unica donna, al Giro d’Italia... I personaggi che si sono distinti nel mondo dello sport sono ovviamente tantissimi. A chi dare spazio, in occasione delle Olimpiadi? Scopritelo in edicola.

ABBONATI A 29,90€

I comportamenti, le regole, i codici e l'organizzazione del mondo vegetale. In più: gli strascichi della long Covid, l'importanza degli abbracci e alla scoperta di Abel, un androide dell’Università di Pisa nato per interagire con noi umani.

ABBONATI A 29,90€
 
È vero che il mare non è sempre stato blu? La voglia di correre è contagiosa? Perché possiamo essere crudeli con gli altri? Si possono deviare i fulmini? Che cosa fare (e cosa non fare) per piacere di più? Queste e tantissime altre domande e risposte, sempre curiose e divertenti, sul nuovo numero di Focus D&R, in edicola.
ABBONATI A 29,90€
Follow us