Animali

Il fossile di un leone americano ritrovato grazie alla secca del Mississippi

Il fiume Mississippi è in un periodo di secca, e questo sta portando a galla una serie di tesori, tra cui la mandibola di un leone americano estinto.

Fino a 11.000 anni fa, nei territori che oggi conosciamo come Stati Uniti d'America, viveva un leone lungo due metri e mezzo, alto un metro e che pesava più di 400 chili: era grosso il 25% in più di un odierno leone, era un predatore apicale, ma come successo a tutta la cosiddetta "megafauna del Pleistocene" è scomparso dal Pianeta durante l'estinzione del quaternario. A differenza di quelli di altri suoi contemporanei, i fossili di leone americano sono relativamente rari, e la loro scoperta fa sempre notizia, ma il recente ritrovamento compiuto sulle rive del Mississippi da Wiley Prewitt, e riportato per primo dal Sun Herald, merita particolare attenzione, perché non riguarda solo la paleontologia.

Focus-cover-362
Ai grandi mammiferi di oggi a rischio estinzione è dedicato lo speciale dossier - realizzato con il WWF - di Focus 362 (dicembre 2022) in edicola. Perché non ti abboni? © Focus

I "tesori" della siccità. Wiley Prewitt non è uno scienziato – a dirla tutta non sappiamo nemmeno che mestiere faccia, perché è un privato cittadino che abita in Mississippi e che, mentre passeggiava lungo le rive del fiume, si è imbattuto in quella che poi è stata confermata essere la mandibola fossilizzata di un leone americano. Il Mississippi (inteso come il fiume) sta attraversando un lungo periodo di secca, la peggiore degli ultimi dieci anni come ha riportato la NOAA; il suo livello è talmente basso che barche e chiatte fanno fatica a navigarlo, con serie conseguenze sul commercio locale. È una pessima notizia dal punto di vista ambientale, ma la siccità sta anche, per così dire, riportando a galla una serie di tesori finora sommersi. A ottobre, per esempio, dalle acque del Mississippi è riemerso un traghetto che era affondato alle fine dell'Ottocento. E ora è il turno della mandibola di leone.

La storia in una mandibola. Prewitt ha ritrovato l'osso sulla spiaggia del Mississippi vicino alla città di Rosedale, e l'ha immediatamente portato agli esperti del Museo di Storia Naturale di Jackson, la capitale dello Stato, nella quale era in corso un simposio proprio sui fossili del Nord America. Gli esperti hanno confermato che il fossile è una mandibola di Panthera atrox. È solo il quarto fossile di leone americano che viene ritrovato nel bacino del fiume: finora, la maggior parte delle nostre conoscenze sull'animale arrivavano dagli oltre 80 esemplari ritrovati nello stesso luogo, i pozzi di catrame di La Brea, in California. Secondo Anna Reginelli, l'organizzatrice dell'evento, Prewitt ha "fatto la storia" con il suo ritrovamento: potete leggere le sue dichiarazioni, e vedere le foto del fossile, a questo link.

11 dicembre 2022 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us