Animali

Abbiamo trovato il fossile del “drago blu” del Giappone

In Giappone è stato scoperto lo scheletro di un mosasauro dalla forma insolita che è stato soprannominato "drago blu di Wakayama" dal nome della località dov'è stato rinvenuto.

Il drago blu, o azzurro a seconda della traduzione, è una creatura del folklore cinese che ha anche fatto il "salto" ai Paesi confinanti: in Giappone, per esempio, è uno dei quattro spiriti guardiani della città di Kyoto. Cosa c'entra su un sito di scienza? Be', la risposta è che l'abbiamo trovato. Non il drago blu in persona, ma il fossile di un mosasauro (un rettile marino preistorico ormai estinto) dall'aspetto inusuale, e che è stato soprannominato "drago blu di Wakayama", dal nome della località dov'è stato rinvenuto. A confronto con gli altri mosasauri che conosciamo ha una forma del corpo diversa, e il team che l'ha descritto (in uno studio pubblicato sul Journal of Systematic Palaeontology) non è ancora sicuro di come questo animale nuotasse.

Mezzo drago, mezzo delfino? Spesso presi erroneamente per dinosauri, i mosasauri erano rettili esclusivamente acquatici comparsi sulla Terra circa 82 milioni di anni fa e scomparsi, insieme proprio ai dinosauri e a molti altri rettili, 65 milioni di anni fa, dopo la caduta dell'asteroide Chicxulub. Erano carnivori e predatori, ed erano il gruppo che dominava i mari durante l'epoca dei dinosauri. Il drago blu di Wakayama – il cui nome scientifico completo è Megapterygius wakayamaensis – era lungo 6 metri, una dimensione tutto sommato modesta se confrontata con altre specie di mosasauro che superavano i 15 metri. Ma soprattutto, aveva un'anatomia diversa da quella dei suoi parenti: quattro lunghe pinne a forma di remo e delle stesse dimensioni, più una pinna caudale simile a quella dei delfini e, probabilmente, anche una pinna dorsale. Ci sono voluti 17 anni per ricostruire e descrivere il fossile, rinvenuto nel 2006, e il risultato è una sorta di puzzle per il team dell'università di Cincinnati che ha condotto lo studio.

Come nuotava il drago blu? Gli altri mosasauri conosciuti, infatti, avevano le pinne posteriori più piccole di quelle del drago blu, che invece era più "simmetrico" e dotato di quattro arti di dimensioni uguali. Non solo: la sua colonna vertebrale assomigliava più a quella di un delfino o di una focena, il che fa pensare anche che potesse essere dotato di pinna dorsale per aiutarsi durante il nuoto. E proprio quest'ultimo è il vero mistero del drago blu, che come spiegano gli autori era dotato di cinque diverse superfici idrodinamiche utili per il movimento (le quattro pinne e la coda). Quali di queste servivano per la propulsione e quali invece per controllare la direzione del nuoto? Le differenze evidenti con gli altri mosasauri, e la somiglianza con i moderni mammiferi marini, rendono difficile dare una risposta a questa domanda, la cui risposta potrebbe cambiare anche la nostra comprensione di come nuotassero gli altri mosasauri.

27 dicembre 2023 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us