Animali

Il coccodrillo come fa? Muggisce! (Ascoltatelo qui)

Ma il coccodrillo come fa? Gli scienziati hanno identificato i curiosi suoni prodotti da un rettile che vive nel fitto delle foreste africane. Il primo passo per identificare la sua presenza. E proteggerlo.

Il coccodrillo nano (Osteolaemus tetraspis) è il più piccolo coccodrillo dell'Africa: vive nel fitto delle foreste della parte centro-occidentale del continente, si muove di notte, mangia piccoli animali. Ed è capace di vocalizzi del tutto particolari: Agata Staniewicz dell'Università Adam Mickiewicz, in Polonia, e i suoi colleghi hanno identificato 4 diversi suoni prodotti dal coccodrillo nano (ascolta l'audio sopra), tra cui un verso simile al muggito di una mucca e uno che ricorda il soffiare del vento. Potete leggere l'approfondimento sul numero 374 di Focus.

cover-focus-374
Ai vocalizzi del coccodrillo nano è dedicato un articolo del nuovo Focus 374 (dicembre 2023) in edicola attualmente. © Focus

In declino. Questo rettile è classificato come "vulnerabile", ma essendo una specie complicata da studiare in natura (vive in piccoli fiumi in aree di foresta difficilmente raggiungibili) non ci sono molti dati sul suo status: sembra che sia comunque in declino, in particolare in alcune regioni, minacciato dalla caccia e dalla deforestazione.

Conoscerne i vocalizzi può permettere di identificarne la presenza usando microfoni nella foresta. «Possiamo monitorare gli animali usando unità autonome installate nell'habitat, in grado di registrare i suoni dell'ambiente a lungo e senza disturbare gli animali», spiega Agata Staniewicz. «Poi le registrazioni possono essere esaminate usando software appositi, per identificare la presenza di una data specie». 

21 novembre 2023 Giovanna Camardo
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us