Animali

I vocalizzi notturni delle giraffe

Non siamo i soli a parlare nel sonno: anche le giraffe mormorano, anche se sveglie, quando scende la sera. I mormorii a bassa frequenza, poco udibili dall'uomo, servono a mantenere la mandria unita.

Gli elefanti barriscono, i leoni ruggiscono, e le giraffe? Per anni, le più alte della savana sono state considerate insolitamente silenziose, salvo qualche "grugnito" occasionale. Era stato persino ipotizzato che il lungo collo non permettesse il passaggio di aria a sufficienza nella trachea per far vibrare le corde vocali.

mormorii notturni. Ora, dopo aver analizzato 938 ore di suoni emessi da questi animali, registrati in 3 diversi zoo, gli scienziati dell'Università di Vienna hanno cambiato idea. Le giraffe comunicano, eccome. Solo che lo fanno di notte, e con un suono a bassa frequenza che l'uomo può udire a stento: un richiamo simile al rumore di un uomo che russa, alla frequenza di 92 Hz, al limite della soglia udibile dal nostro orecchio (e che infatti, gli addetti degli zoo non avevano mai sentito).

Restiamo uniti. L'ipotesi è che questi animali, che hanno una vista molto acuta e di giorno comunicano con segnali visivi, di notte vogliano mantenersi vicini senza attirare l'attenzione dei predatori. E se il buio ostacola la vista, non impedisce però di mugugnare. Il prossimo passo sarà capire a quali comportamenti questi versi siano legati: per farlo occorrerà filmare gli animali con telecamere notturne.

23 settembre 2015 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us