Animali

I tre nuovi pterosauri del Sahara

Sono state scoperte tre nuove specie di pterosauri che abitavano il Sahara 100 milioni di anni fa: erano enormi e mangiavano pesce.

100 milioni di anni fa, l'area intorno a quello che oggi è il Marocco non era un deserto come quello che conosciamo oggi, ma una zona fertile e verdeggiante, attraversata da fiumi e popolata di dinosauri e altre creature preistoriche.

Tra queste, è stato appena annunciato in uno studio pubblicato su Cretaceous Research, c'erano anche almeno tre specie di pterosauri, enormi rettili volanti che si nutrivano di pesce e che vanno ad arricchire il catalogo di specie preistoriche scoperte negli ultimi anni nel deserto del Sahara.

Il paradiso dei paleontologi. La scoperta è stata fatta nell'area delle formazioni geologiche dei Kem Kem Beds, al confine tra il Marocco sudorientale e l'Algeria, che soprattutto negli ultimi anni si sta rivelando un vero e proprio paradiso per i paleontologi. Le tre nuove specie di pterosauro, che si vanno ad aggiungere alle sei già note (oltre che a una grande quantità di resti di dinosauri), appartengono a tre generi già descritti: Anhanguera (finora trovato solo in Brasile), Ornithocheirus e Coloborhynchus (finora presenti solo in Europa e Asia centrale). Le considerazioni geografiche sono importanti, perché come ha spiegato la prima autrice dello studio Megan Jacobs «i fossili di pterosauro sono rari, e di solito si trovano in Europa o Sud America»: le tre nuove specie sono quindi «uno sguardo importante sugli pterosauri in Africa».

Là dove c'era l'erba... Ma dove e come vivevano questi enormi rettili volanti, i primi animali a evolvere (prima di uccelli e pipistrelli) una forma di volo attivo? Con un'apertura alare che andava dai 3 ai 4 metro e una bocca strapiena di denti, erano dei pescatori provetti, paragonabili secondo lo studio ai moderni albatri per la loro capacità di percorrere enormi distanze ogni giorno per procurarsi il cibo.

E per quel che riguarda quello che si trovava sotto di loro, a terra? Secondo David Martill, un altro degli autori dello studio, «questi predatori volavano sopra un mondo dominato dai predatori, tra cui parenti dei coccodrilli e dinosauri carnivori. C'erano pochissimi erbivori [...] e i predatori riuscivano a sfamarsi grazie a una sovrabbondanza di pesce».

4 aprile 2020 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La vita straordinaria di Rita Levi-Montalcini, l'unica scienziata italiana premiata con il Nobel: dall'infanzia dorata alle leggi razziali, dagli studi in America ai legami con una famiglia molto unita, colta e piena di talenti. E ancora: l'impresa in Antartide di Ernest Shackleton; i referendum che hanno cambiato il corso della Storia; le prime case popolari del quartiere Fuggerei, ad Augusta; il mito, controverso, di Federico Barbarossa.

ABBONATI A 29,90€

Tutto quello che la scienza ha scoperto sui buchi neri: fino a 50 anni fa si dubitava della loro esistenza, ora se ne contano miliardi di miliardi. Inoltre, come funziona la nostra memoria; l'innovativa tecnica per far tornare a camminare le persone paraplegiche; la teconoguerra in Ucraina: quali sono le armi tecnologiche usate.

ABBONATI A 31,90€
Follow us