Animali

La vita segreta dei ricci

Quelli di città hanno imparato ad evitare noi e i nostri cani, modificando ritmi e attività notturne. Ma per l'ibernazione seguono i tempi naturali, nonostante l'abbondanza di cibo.

Non li vedete, ma ci sono. Hanno solo imparato a vivere nell'ombra, per evitare seccature. I ricci (fam. Erinaceidae) che vivono in città hanno modificato il proprio stile di vita sui movimenti di uomo e animali domestici, per non incorrere in spiacevoli e inaspettati incontri. Lo rivela uno studio dell'università di Amburgo (Germania) presentato a un recente meeting della Society for Experimental Biology.

Meno girovaghi. I ricercatori hanno taggato per 10 mesi, con GPS e sensori di temperatura, 14 ricci provenienti da varie aree rurali e urbane (dai giardini ai parchi pubblici, fino ai lati delle strade), riuscendo così a osservarne i movimenti. I ricci di città hanno un range di spostamenti molto più ristretto (5 ettari contro i 50 dei ricci di campagna).

Quando il cane non c'è... I sensori di temperatura, che rivelano gli stati di riposo o ibernazione, hanno invece mostrato che i piccoli mammiferi dormono durante il giorno e aspettano nascosti tra i cespugli che anche l'ultima passeggiata con i cani della giornata sia conclusa. Ad Amburgo, succede dopo le 21:00, ed è a quest'ora che i ricci iniziano a popolare i parchi. Intorno a mezzanotte il "party" notturno è in pieno svolgimento.

Fedeli al letargo. Sorprendentemente, invece, l'ibernazione dei ricci cittadini mantiene i ritmi naturali, nonostante la costante disponibilità di cibo degli ambienti urbani. Un dato importante per chi si occupa della manutenzione del verde metropolitano: i ricci prediligono cespugli e verde più "selvaggio", che vanno pertanto in parte mantenuti.

Guarda anche un riccio che si "apre" allo spuntino offerto da un umano:

21 luglio 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us