Animali

I primi dinosauri piumati avevano anche le squame

I raggi UV svelano la pelle a squame di un fossile di Psittacosaurus: prima di ricoprirsi di piume, i dinosauri avevano zone squamate per proteggersi da abrasioni e parassiti.

I dinosauri piumati non hanno sempre avuto (solo) le piume: è quanto emerge da uno studio pubblicato su Nature Communications che ha studiato il fossile di uno Psittacosaurus, un piccolo dinosauro ceratopside (dal greco "cheras - cheratos" (corno) e "ops" (volto), letteralmente "con il volto cornuto") vissuto nell'attuale Asia tra 130 e 100 milioni di anni fa. Esposto ai raggi ultravioletti, il fossile ha rivelato delle zone di pelle di color giallo-arancione non ricoperte di piume, ma squamate come quelle dei rettili.

Fossile psittacosaurus
Il fossile alla luce naturale (parte superiore) e UV (parte inferiore), dove si vedono le zone giallo-arancioni della pelle squamata. © Zixiao Yang | Shutterstock

Pelle di vetro. È impossibile vedere questa pelle a squame a occhio nudo, e per questo è rimasta nascosta sotto i nostri occhi dal 2021, anno in cui il fossile è stato donato all'università di Nanjing (Cina). La pelle dello Psittacosaurus, che era lungo circa due metri e si muoveva sulle zampe posteriori, conteneva principalmente silice, un composto minerale conosciuto comunemente per essere la materia prima base del vetro. Questa è la prima volta in cui viene scoperta una pelle a base di silice nel fossile di un vertebrato.

Sviluppo a zone. Lo studio è importante per quello che rivela sul passaggio dalle squame alle piume nei vertebrati. «Abbiamo studiato numerosi fossili di piume, ma i fossili di pelle sono molto più rari», spiega Maria McNamara, una degli autori.

I ricercatori descrivono uno "sviluppo a zone": le aree di pelle morbida, simile a quella degli uccelli, erano ricoperte di piume; il resto del corpo, al contrario, aveva squame tipiche di rettili moderni come le lucertole, che hanno permesso ai primi dinosauri piumati di proteggere la pelle da abrasioni, disidratazione e parassiti, iniziando al contempo a sperimentare i vantaggi evolutivi delle piume.

5 giugno 2024 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us