Animali

I piani criminali degli uccelli parassiti

I molotri, pennuti che nascondono le proprie uova nei nidi altrui, compiono decine di ricognizioni sul luogo del misfatto per assicurarsi di agire al momento più opportuno.

Un aspirante ladro si aggira attorno al suo prossimo obiettivo: è una casa - o meglio, un nido - e non vuole rubare nulla, ma infiltrare al suo interno qualcosa che sottragga risorse a quella famiglia. Stiamo parlando dei molotri, uccelli parassiti che affidano le proprie uova ad altri pennuti, perché se ne prendano cura.

L'attimo fuggente. Secondo uno studio pubblicato su Behavioral Ecology and Sociobiology, questi animali agiscono come criminali veri e propri. Non lasciano nulla al caso e prima di agire, si assicurano che sia l'istante perfetto: se lo depositano troppo in anticipo, il loro uovo rischia di risaltare troppo in mezzo a quelli dell'ospite; se lo lasciano troppo tardi il piccolo rischia di non prendere cibo a sufficienza.

Ricognizione. I ricercatori dell'università di Buenos Aires hanno studiato 41 molotri di due specie diverse (M. rufoaxillaris e M. bonariensis) e hanno constatato che entrambi visitavano il nido nel mirino a partire da diversi giorni prima del "rilascio".

Gli uccelli della prima specie si sono recati sul posto in media 27 volte, un comportamento "ossessivo" dovuto al fatto che le loro prede hanno imparato a deporre le uova in tempi imprevedibili come forma di difesa. Gli stessi pennuti tornano sul posto anche dopo aver lasciato i pulcini - un esemplare ci è tornato 39 volte.

Solo prima. Gli esemplari della seconda specie hanno invece ispezionato i nidi in molte occasioni prima del misfatto (la metà delle volte rispetto ai compari) ma mai dopo il rilascio. Questi uccelli hanno infatti l'abitudine di bucare le uova dell'ospite quando le incontrano, e tenendosi alla larga evitano di danneggiare anche le proprie uova.

26 dicembre 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us