Animali

I pesci palla trattengono il fiato?

Quando si sentono minacciati, ingoiano in pochi secondi grandi quantità d'acqua, trasformandosi in buffe palle di spine. Ma in questa fase bloccano la respirazione branchiale?

No, anzi: nelle situazioni di pericolo respirano con maggiore efficacia. In presenza di un predatore, questi pesci della famiglia dei Tetraodontidae ingurgitano rapidamente grandi quantità d'acqua, tendendo la pelle elastica e ricca di spine fino a trasformarsi in grosse palle indigeste e velenose, grandi quattro volte il pesce originale. Passate ricerche sostenevano che in questi momenti, i "palloni gonfiati" trattenessero il fiato, inibendo di fatto la respirazione effettuata attraverso le branchie.

inverosimile. Ma i pesci palla mantengono l'ingombrante conformazione per diversi minuti, finché l'avversario non si leva di torno. Possibile che rimangano senza ossigeno così a lungo? Georgia McGee della James Cook University e Timothy Clark dell'Australian Institute of Marine Science hanno raccolto, per verificarlo, alcuni esemplari di pesce palla sellato (Canthigaster valentini), una creatura di 5 cm che vive presso la Grande Barriera Corallina.

esercitazione antinemico. Poco prima di finire in rete, i pesci presi di mira hanno nuotato per 5-10 secondi a tutta velocità, per poi gonfiarsi in posizione di difesa. Una volta arrivati all'acquario scelto per l'esperimento, i biologi hanno misurato la respirazione dei pesci prima, durante e dopo l'inflazione (l'atto di gonfiarsi). Prima di gonfiarsi, i pesci hanno accumulato acqua per 5-10 secondi, come avvenuto in mare; quindi, sono rimasti gonfi per un intervallo di tempo compreso tra i 3,7 e i 18 minuti (ma in media 10,1 minuti).

Altro che apnea. In questa fase, i "soggetti" hanno dimostrato di respirare perfettamente. Anzi, i livelli di ossigeno scambiati con l'acqua sono risultati 5 volte superiori alle situazioni di riposo. I pesci hanno anche mostrato una minima respirazione attraverso la pelle, in ogni caso - almeno in questa specie - del tutto accessoria rispetto a quella che avviene mediante le branchie.

I costi energetici. Inflazione e pre-inflazione si sono rivelate comunque molto impegnative dal punto di vista metabolico, e i pesci hanno impiegato in media 5,6 ore per riprendersi dalla fatica. Proprio nella fase di recupero, avvertono i ricercatori, potrebbero risultare più vulnerabili ai predatori.

15 dicembre 2014 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Albert Einstein amava la vita, la fisica e odiava le regole. Osteggiato in patria e osannato nel mondo, vinse molte battaglie personali e scientifiche. A cento anni dal Nobel, il ritratto del più
grande genio del Novecento che ha rivoluzionato le leggi del tempo e dello spazio. E ancora: la storia di Beppe Fenoglio, tra scrittura e Resistenza; l'impresa di Champollion, che 200 anni fa decodificò la stele di Rosetta e svelò i segreti degli antichi Egizi; contro il dolore, la fatica, la noia: le droghe naturali più usate nel corso dei secoli.

ABBONATI A 29,90€

Il sonno è indispensabile per rigenerare corpo e mente. Ma perché le nostre notti sono sempre più disturbate? E a che cosa servono i sogni? La scienza risponde. E ancora: pregi e difetti della carne, alimento la cui produzione ha un grande impatto sul Pianeta; l'inquinamento e le controindicazioni dell’energia alternativa per gli aerei; perché ballare fa bene (anche) al cervello. 

ABBONATI A 31,90€
Follow us