Animali

Nemo sa contare! I pesci pagliaccio contano le strisce sul corpo per difendersi

Per distinguere gli amici dai nemici, i pesci pagliaccio sono in grado di contano le strisce che hanno sul corpo.

È ormai dal 2003 che il pesce pagliaccio Amphiprion ocellaris viene automaticamente associato a Nemo, protagonista di quel famoso cartone della Pixar che parla di un esemplare con una pinna danneggiata che viene rapito dagli umani e costretto ad abbandonare il padre. Ebbene, uno studio pubblicato sul Journal of Experimental Biology ci spiega innanzitutto che la storia di Nemo che vive in pace nel suo anemone è falsa: i pesci pagliaccio sono molto protettivi e aggrediscono senza esitazione altri pesci che invadono il loro territorio. Considerando però che esistono una trentina di specie diverse di pesce pagliaccio, come fa Amphiprion ocellaris a distinguerle? La risposta è: sa contare.

Quante strisce hai? Le specie di pesce pagliaccio hanno un numero variabile di strisce sul corpo che va da 0 a 3: si tratta in molti casi dell'elemento distintivo più evidente di questi pesci, che per il resto hanno un aspetto molto simile. Ecco perché il team guidato da Kina Hayashi dell'Okinawa Institute of Science and Technology ha condotto un esperimento incentrato proprio sulle strisce. Prima di tutto ha allevato un piccolo branco di pesci pagliaccio a partire dal momento della schiusa, tenendoli in un acquario e lontani da qualsiasi altro pesce.

"Bullismo" marino. Poi, quando hanno compiuto sei mesi, ha cominciato a farli interagire sia con altre specie di pesce pagliaccio, sia con altri esemplari di Amphiprion ocellaris, e ne ha studiato le reazioni. La prima cosa che gli scienziati hanno notato è che i pesci pagliaccio aggredivano e "bullizzavano" i membri della loro specie (un evento che si è verificato nell'80% dei casi), mentre erano più tolleranti verso le altre specie, in particolare quelle con meno strisce.

Uno, due, tre… all'attacco! Proprio quest'ultimo dettaglio ha ispirato la seconda fase dello studio, nella quale i pesci pagliaccio sono stati messi di fronte a pesci finti, cioè pezzi di plastica arancione dipinti con una, due o tre strisce sul corpo. Anche in questo caso, gli animali hanno aggredito con gusto i modelli con due o tre strisce, mentre hanno trattato con sufficienza quelli con una e ignorato quelli privi di segni distintivi.

Strisce pericolose. Questo significa che i pesci pagliaccio contano le strisce per valutare la pericolosità di un intruso. Perché, però, attaccano anche i pesci con due strisce e non solo quelli con tre? Secondo lo studio è perché alla nascita il pesce pagliaccio ha solo due strisce, che diventano tre dopo una decina di giorni di vita: anche gli esemplari "bi-strisciati", quindi, possono rappresentare un pericolo, o comunque un concorrente da scacciare.

4 febbraio 2024 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us