Animali

I pesci anfibi non sono usciti dall'acqua per caso

Ci hanno provato, nel corso dell'evoluzione, almeno 30 volte, ma forse molte di più: lo dimostra uno studio che svela come molte specie "marine" preferiscano, in realtà, vivere sulle rocce.

Il primo pesce che si avventurò fuori dall'acqua, 350 milioni di anni fa, non lo fece per pura casualità. Le creature anfibie, nel corso dell'evoluzione, hanno provato a uscire dagli oceani almeno 30 volte, come dimostra uno studio che racconta qualcosa in più sulle circostanze in cui questi animali svilupparono le loro spiccate capacità adattive.

Censimento scientifico. Terry Ord e Georgina Cooke dell'università del New South Wales, in Australia, hanno studiato la letteratura scientifica riguardo ai pesci che, durante la loro storia evolutiva, sono riusciti ad avventurarsi sulla terraferma. Hanno trovato almeno 130 specie di pesci che oggi vivono, almeno in parte, anche fuori dall'acqua, dall'anguilla americana (Anguilla rostrata), che striscia da uno stagno all'altro dopo la pioggia, allo scazzone marino (Taurulus bubalis) che salta fuori dalle pozze di marea quando l'ossigeno inizia a scarseggiare.

Tentativi ripetuti. Ben 33 famiglie di pesci contengono almeno un esponente che apprezza gli habitat terrestri: secondo lo studio, pubblicato su Evolution, si può quindi supporre che la capacità di vivere fuori dall'acqua si sia evoluta almeno altrettante volte. Alcune famiglie di pesci, come quella delle bavose (Blenniidae), hanno fatto questo salto in 3, forse persino in 7 diversi snodi del loro albero genealogico. Per questo motivo, 33 volte potrebbe essere una stima persino per difetto.

Venuti dal mare. Questo tipo di transizione, notano gli scienziati, appare più frequente nelle zone intertidali, ossia quelle zone dei litorali marini che risultano emerse in condizioni di bassa marea, e sommerse quando la marea sale. Un dato importante, perché alcune passate teorie suggerivano che i primi pesci anfibi fossero usciti da specchi d'acqua dolce. Le scoperte più recenti, e anche questo studio, indicano invece che i nostri antenati provenivano dal mare.

19 giugno 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us