Animali

I marsupiali hanno paura dell’uomo più di ogni altra cosa

Come i mammiferi africani, i marsupiali australiani, temono il suono della voce umana più di quanto temano il verso di qualsiasi altro predatore.

Imparare a riconoscere il suono della voce di un predatore è fondamentale per sopravvivere in natura, ed è quindi logico pensare che tutti gli animali selvatici abbiano in testa una sorta di "gerarchia": ci sono versi dei quali hanno più paura, perché sanno che appartengono a un animale pericoloso.

Ebbene, c'è una caratteristica comune agli animali di tutto il mondo: hanno imparato che la voce umana è il suono più pericoloso di tutti. Abbiamo scoperto l'anno scorso che vale per i mammiferi africani, e ora uno studio pubblicato sui Proceedings of the Royal Society B dimostra che lo stesso vale per i marsupiali australiani.

 

Prede ingenue. La scelta di concentrarsi sui marsupiali australiani deriva dal fatto che questi animali sono considerati "ingenui": l'isolamento dal resto del mondo e il fatto che nel continente australiano i grandi predatori mancano da 50.000 anni, li ha portati a non avere abbastanza paura di animali ignoti, di fronte ai quali tendono a non reagire, o comunque a comportarsi come se non fossero di fronte a un grosso problema. 

Predatori da 50mila anni. Questa "spavalderia" porta conseguenze devastanti sulle loro popolazioni, soprattutto quando si trovano di fronte a una nuova minaccia che non considerano tale. Dallo studio, però, è emerso che una delle minacce principali percepite da questi animali sono gli umani: predatori presenti in Australia da quasi 50.000 anni.

Siamo Il terrore del mondo animale. Il team della University of Tasmania che ha condotto lo studio ha quindi provato a esporre una serie di marsupiali australiani (canguri, wallaby, opossum…) ai versi di vari animali, dalle pecore ai cani, dai lupi agli umani, appunto. Il risultato è che le potenziali prede scappano di fronte al suono della voce umana con una frequenza 2.4 superiore a quanto fanno quando sentono il verso di un altro animale, locale o introdotto che sia.

Persino i daini ci temono. Un particolare interessante dello studio è che tra i soggetti vanno annoverati anche i daini, che non sono nativi dell'Australia ma sono stati introdotti dagli umani: anch'essi hanno avuto la stessa reazione, fuggendo con maggior frequenza di fronte alle nostre voci rispetto a quanto abbiano fatto ascoltando il verso di un predatore. Insomma, se vi sembra che la natura sia popolata di animali feroci e spaventosi, considerate che per loro non c'è nulla di più terrificante che il suono della nostra voce.

8 giugno 2024 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us