I leoni uccidono i propri cuccioli?

I leoni uccidono i cuccioli, ma mai i propri figli. Ecco quello che accade.

leoni
I nuovi leader uccidono i cuccioli per liberare le femmine dalle cure parentali.|Bianca90/iFocus

I leoni maschi uccidono i piccoli della propria specie, ma tale comportamento non viene mai compiuto ai danni dei propri cuccioli. Quando uno o più giovani maschi conquistano un gruppo di femmine, infatti, uccidono tutti i cuccioli in quanto figli dei capibranco appena spodestati. Questo accade perché le leonesse, una volta persi i propri cuccioli, possono entrare in estro nel giro di poco tempo, consentendo l’accoppiamento con il nuovo capobranco e la prosecuzione della sua linea genetica. Altrimenti, le femmine non sarebbero sessualmente ricettive fino alla conclusione dell’allevamento, che avviene quando i piccoli raggiungono l’età di due anni.

 

 

Disponibili. I nuovi leader del branco, così facendo, liberano le femmine dalle cure parentali e le rendono subito disponibili a una nuova gravidanza. L’uccisione dei cuccioli, che a volte può sfociare anche nel cannibalismo, è comune anche in altri gruppi di mammiferi, come primati (scimmie) e roditori.

 

Guarda anche

 

16 Settembre 2014