Animali

I ghepardi? Campioni di accelerazione, non di velocità

Il segreto degli inseguimenti perfetti di questo felino non è la velocità ma la capacità di moderarla a piacimento e in brevissimo tempo.

Tutti li consideriamo le "schegge" del mondo animale, ma secondo un nuovo studio i ghepardi (Acinonyx jubatus) non sono poi così veloci. Piuttosto, è la loro capacità di accelerazione a seminare i rivali (e a terrorizzare le prede).

«È opinione comune che i ghepardi raggiungano velocità incredibilmente alte, anche 97 chilometri orari» spiega Alan Wilson, del Royal Veterinary College dell'Università di Londra «ma queste misurazioni sono state fatte con strumenti imprecisi». Oltre che su animali tenuti in cattività e poco abituati a cacciare.

Per ricavare dati più precisi Wilson ha sistemato su tre femmine e due maschi di ghepardo della savana africana speciali collari muniti di GPS, accelerometri, giroscopi e altri strumenti per monitorare le corse di questi felini. La velocità più alta registrata richiama i record che già conosciamo: 93 chilometri orari. Ma - sorpresa - la velocità media è ben più modesta, 54 chilometri all'ora.

È stata piuttosto l'abilità nell'accelerazione a lasciare di stucco gli scienziati: con un singolo balzo, il ghepardo può accelerare fino a 3 metri al secondo, o decelerare di 4 metri al secondo, uno sforzo che richiede una potenza muscolare pari a 4 volte quella utilizzata da Usain Bolt nei 100 metri olimpici.

100 metri, ghepardo vs Bolt: chi vincerà?

Il successo dei ghepardi durante la caccia, quindi, non dipenderebbe dalla velocità ma, piuttosto, da questa incredibile capacità di manovra e da un sapiente dosaggio del proprio scatto: a gazzelle e impala non resta che provare a scappare.

Cheetah, il robot a 4 zampe più veloce del mondo
I record "olimpici" del mondo animale

16 giugno 2013 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us