Animali

I delfini fanno gruppo per salvare la femmina ferita

I cetacei osservati nel Mar del Giappone hanno usato il proprio corpo per formare una "zattera" e permettere alla compagna morente di non affondare.

Come in una scena di Baywatch, ma con protagonisti provvisti di pinne, alcuni delfini nel Mare del Giappone hanno provato a salvare una compagna ferita, improvvisando con i loro corpi una sorta di "zattera" per permettere al cetaceo morente di non affogare.

In passato singoli cetacei sono stati osservati mentre aiutavano i propri cuccioli, o tentavano di rianimare un esemplare già morto, ma è la prima volta che gli esperti documentano il caso di un gruppo di delfini che coopera per mettere in salvo un compare.

Da non perdere: il delfino chiede aiuto, il sub lo cura (video)

Durante una giornata di ricerca in mare aperto nel giugno 2008, un'equipe di ricercatori del Cetacean Research Institute di Ulsan, Corea del Sud, ha avvistato e iniziato a seguire un banco di delfini comuni a becco lungo (Delphinus capensis) intenti a procurarsi cibo nelle acque del Mar del Giappone.

Guarda anche i delfini che nuotano con un cane (video)

Un gruppetto di 12 esemplari nuotava più lentamente degli altri: avvicinandosi, gli scienziati hanno appurato che i cetacei stavano aiutando una femmina in evidente difficoltà, con l'addome ferito rivolto in superficie e le pinne pettorali paralizzate. Per una trentina di minuti i delfini hanno nuotato a turno ai lati della compagna, cercando di tenerla a galla, e sotto di essa, formando con i loro dorsi una specie di zattera per permettere all'animale di restare a galla e respirare. Ma i loro sforzi non sono andati a buon fine: a un certo punto la poverina ha smesso di respirare e si è girata in posizione verticale. Cinque delfini le sono comunque rimasti accanto, soffiandole addosso bolle d'aria o toccandola con il muso, finché il cetaceo è scomparso alla vista.

Guarda il video dell'episodio pubblicato da New Scientist:

Un commovente esempio di altruismo? Forse, ma secondo gli esperti non totalmente disinteressato. Salvare i compagni feriti potrebbe aiutare i delfini a mantenere saldo il gruppo e con esso il controllo del territorio. Inoltre, se in difficoltà si trova un parente, salvarlo significa conservare il proprio patrimonio genetico. Insomma, questo comportamento generoso potrebbe essersi evoluto anche senza bisogno dell'empatia.

Ti potrebbero interessare anche:

I delfini che giocano a palla con le meduse
Ascolta la voce di Noc, il beluga che "parlava"
Una nuova - e molto intelligente - tecnica di caccia per i delfini

28 gennaio 2013 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Oggi il presidente ucraino Zelensky, ieri l'imperatore Claudio, la contessa-guerriera Caterina Sforza, il sindacalista Lech Walesa, il sovrano Giorgio VI... Tutti leader per caso (o per forza) che le circostanze hanno spinto a mettersi in gioco per cambiare il corso della Storia. E ancora: nella Urbino di Federico da Montefeltro, un grande protagonista del Rinascimento; 30 anni fa, la morte di Giovanni Falcone a Capaci; lo scandalo Watergate che costrinse il presidente Nixon alle dimissioni; i misteri, mai risolti, attorno all'omicidio di Giovanni Borgia.

ABBONATI A 29,90€

Il mare è vita eppure lo stiamo sfruttando e inquinando rischiando il collasso dell’ecosistema globale. Per salvarlo dobbiamo intervenire. Come? Inoltre: perché è difficile prendere decisioni; esiste l'archivio globale dei volti; come interagire con complottisti e negazionisti; perché i traumi di guerra sono psicologicamente pesanti.

ABBONATI A 31,90€
Follow us