I delfini cacciano con l'aquaplaning

La sorprendente tecnica di pesca di un gruppo di tursiopi ripresa in un video documentario.

La fame aguzza l'ingegno. E questi delfini, pur di riuscire a pescare, si sono inventati una tecnica davvero originale. La scena che vedete nel video qui sopra è stata girata su una spiaggia vicino alla Shark Bay, in Australia occidentale, da una troupe di BBC Planet Earth.

 

Lo scivolar m'è dolce... Un gruppo di delfini si avvicina a riva per inseguire alcuni pesci, che i cetacei provano a stordire a colpi di coda. Una tecnica che in acqua alta funziona, ma non qui, sul bagnasciuga. Poi, il colpo di genio: un esemplare inizia a guadagnare velocità a colpi di coda, e una volta raggiunta una buona spinta... plana sull'acqua come se stesse surfando (o come farebbe una macchina su una strada particolarmente bagnata).

 

i rischi del mestiere. La tecnica permette di accerchiare le prede e spingerle a riva, dove acciuffarle sarà più facile. Ma è anche estremamente rischiosa, perché spinge i delfini a profondità di pochi centimetri, dove rischiano di rimanere spiaggiati. Finora è stata osservata solo su una popolazione di delfini tursiopi (Tursiops truncatus) della Shark Bay, e principalmente in esemplari femmine.

 

l'astuzia è femmina. Su questi individui infatti, c'è un'altissima pressione sociale: le femmine mettono al mondo un cucciolo per volta, e possono allattarlo per anni. In questo periodo di tempo devono mangiare il 50% in più dei maschi per non deperire. E pur di procacciarsi del cibo le inventano tutte, finendo per essere particolarmente creative. Ma la fortuna aiuta gli audaci, e la tattica - a guardare queste immagini - pare funzionare.

 

25 marzo 2015 | Elisabetta Intini