Animali

I cuccioli di foca sanno abbassare o alzare il tono di voce

I cuccioli di foca sono in grado di modulare il tono della loro voce in risposta ai rumori ambientali, a seconda delle necessità.

Gli esseri umani sono una specie molto loquace, per la quale la comunicazione verbale è fondamentale in ogni interazione sociale. Il controllo delle nostre capacità vocali è una caratteristica che condividiamo con pochi altri mammiferi, che raramente sono in grado, per esempio, di imparare a imitare e riprodurre certi suoni. Un'altra capacità tipicamente umana è quella di saper regolare l'altezza del tono di voce a seconda delle condizioni ambientali in cui ci si trova a parlare.

Per farsi sentire. Uno studio pubblicato su Philosophical Transactions of the Royal Society dimostra che c'è almeno un altro mammifero che è in grado di alzare o abbassare la voce a piacimento, per facilitare la comunicazione: la foca, i cui cuccioli imparano fin da piccoli come farsi sentire dai genitori anche in mezzo al caos.

I soggetti dello studio sono otto cuccioli di foca comune (Phoca vitulina), di età compresa tra 1 e 3 settimane, che erano ospiti del Dutch Sealcentre Pieterburen, un centro di riabilitazione olandese nel quale hanno trascorso qualche mese in attesa di essere lasciati nuovamente liberi.

Facciamo una prova? I ricercatori hanno approfittato della loro permanenza per sottoporli a un esperimento. Prima sono andati nel vicino mare di Wadden a registrare suoni ambientali (onde, vento...), che sono stati poi manipolati per ottenere tre versioni della stessa registrazione, a un volume sempre crescente: il dettaglio fondamentale è che in tutte e tre le versioni il suono era alla stessa altezza, identica a quella della voce dei cuccioli. Dopodiché hanno fatto ascoltare questi suoni alle foche per diversi giorni consecutivi, e ne hanno registrato i richiami.

Quello che hanno scoperto è che le foche hanno reagito sia all'aumento di volume, sia al fatto che il mare registrato emetteva un suono la cui altezza era identica a quella dei loro richiami. Nel primo caso le foche hanno reagito come facciamo noi esseri umani, secondo quello che si chiama effetto Lombard: hanno alzato il volume dei loro richiami per sovrastare quello del mare. Il secondo caso è ancora più interessante: i cuccioli di foca hanno abbassato l'altezza della loro voce, emettendo dunque suoni più gravi che si sentono meglio sopra il rumore del mare.

Come noi! È la stessa strategia che usiamo noi esseri umani, e che tra i mammiferi si ritrova nei pipistrelli e in pochissimi altri casi: tutti gli altri, in presenza di rumori, si limitano ad alzare il volume della voce, senza alterarne l'altezza.

Il fatto che i cuccioli di foca abbiano un controllo vocale così totale già a poche settimane di vita è sorprendente, e potrebbe voler dire il cervello di questi pinnipedi nasconde anche il segreto di (o almeno qualche indizio su) come noi umani abbiamo imparato a parlare.

6 novembre 2021 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us