Animali

I castori combattono il riscaldamento globale?

​Per quanto possa sembrare curioso, il castoro ha un ruolo fondamentale nel controllo della CO2: ecco perché.

​Per quanto possa sembrare curioso, il castoro ha un ruolo fondamentale nel controllo della CO2. Le meravigliose dighe costruite da questi animali aiutano infatti a tenere sotto controllo una grande quantità di gas serra, al punto che l’impatto che i coloni europei ebbero sulle popolazioni di castoro in America potrebbe avere modificato in modo significativo il clima. Il motivo sta proprio nell’effetto sull’ambiente delle loro dighe: quando una famiglia di questi mammiferi blocca il corso di un fiume, provoca un numero sempre più alto di esondazioni, e trasforma l’area circostante in una palude.

SERBATOIO DI GAS. Una ricerca della Colorado State University ha dimostrato che l'ecosistema della palude trattiene la CO2 e funziona da riserva naturale di gas. Al tempo dei primi coloni europei, in America vivevano tra i 60 e i 400 milioni di castori, poi sterminati per vari motivi, incluso il commercio della pelliccia. Questo ha provocato il diradarsi delle dighe e il successivo disseccamento delle paludi che, diventate prati, hanno rilasciato in atmosfera tutta la CO2 intrappolata.

Il fenomeno ha tutt'oggi dimensioni importanti: la dottoressa Ellen Wohl, autrice della ricerca, sostiene che i gas serra intrappolati col sistema delle dighe abbandonate vale circa l’8% della riserva totale di anidride carbonica dell’area.

6 ottobre 2014
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us