Animali

I cani sorridono?

Di solito tendiamo ad attribuire significati umani a segnali della comunicazione dei cani che possono ricordare le nostre espressioni, ma che in realtà sono...

Di solito tendiamo ad attribuire significati umani a segnali della comunicazione dei cani che possono ricordare le nostre espressioni, ma che in realtà sono portatori di messaggi esclusivamente canini. Un esempio ci viene fornito dal “sogghigno” del cane che gli inglesi chiamano grinning e che spesso noi interpretiamo come un “sorriso” (nella foto). I cani, in realtà, sono privi della muscolatura idonea per esprimere un sorriso così come è concepito da noi, oltre al fatto che anche il sorriso umano non in tutte le culture rappresenta un gesto amichevole. Il sogghigno osservato nei cani è una smorfia che lascia scoperti i denti ed è generalmente accompagnata da altri segnali di sottomissione. Questo atteggiamento - rivolto quasi unicamente verso le persone - si ritiene che sia un gesto con cui il cane intende catturare la benevolenza di chi gli sta di fronte. In termini scientifici è un comportamento “deferenziale”, utile cioè a ridurre la potenziale aggressività di qualcuno (per esempio il padrone o un estraneo). I cuccioli e alcuni cani molto deferenti o ansiosi “sogghignano” con le labbra retratte, mostrando gran parte della gengiva. Possono inoltre leccarsi le labbra, starnutire e mostrare gli incisivi. Questi sono tutti comportamenti deferenziali. I cani possono sogghignare anche in condizioni di sottomissione. In quel momento il cane non sta quindi esprimendo con questa “smorfia” uno stato d’animo di felicità o di compiacimento.

Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us