Animali

Il guscio delle tartarughe ci rivela la storia del nucleare sulla Terra

Analizzando i gusci di quattro tartarughe vissute in aree dove furono costruite o testate bombe atomiche, sono emerse tracce di contaminazione nucleare.

Avremmo preferito di no, ma gli eventi degli ultimi anni stanno facendo tornare il pericolo nucleare sulla bocca di tutti: non è un caso se uno dei film di maggior successo degli ultimi anni è Oppenheimer, che racconta la storia di come gli scienziati del Progetto Manhattan inventarono la bomba atomica. C'è chi sostiene che l'Antropocene, l'epoca dell'uomo nella quale viviamo, non sia iniziata 10.000 anni fa con l'invenzione dell'agricoltura, ma meno di un secolo fa, quando le prime esplosioni nucleari negli anni cambiarono irreversibilmente il corso della Storia. Che, come racconta uno studio pubblicato su PNAS Nexus, possiamo ora leggere in un "libro" inaspettato: i gusci delle tartarughe e testuggini che vivono in zone dove le bombe atomiche sono state fabbricate o testate.

le tartarughe e i test nucleari. Il team che ha condotto lo studio, composto in gran parte da scienziati del Los Alamos National Laboratory, ha lavorato su quattro tartarughe appartenenti a quattro specie diverse: una tartaruga verde (Chelonia mydas), una tartaruga del deserto (Gopherus agassizii), una testuggine di fiume (Pseudemys concinna) e una tartaruga scatola comune (Terrapene carolina); non si trattava di animali vivi ma di esemplari raccolti tra gli anni '50 e gli anni '80 del secolo scorso, in quattro diversi siti di produzione di materiale nucleare o di test per la detonazione della bomba, tre negli Stati Uniti (Utah, Tennessee e Georgia) e uno nelle Isole Marshall.

L'analisi ha riguardato i gusci di questi quattro esemplari, che nel corso della loro formazione assimilano diversi elementi presi dall'ecosistema (suolo, acqua e poi piante). E poiché i loro gusci crescono in cerchi concentrici di dimensioni sempre maggiori, un po' come fanno gli anelli degli alberi, è stato possibile non solo scoprire tracce di isotopi dell'uranio (conseguenza dell'attività nucleare), ma anche ricostruirne la storia nel corso dei decenni.

gli Isotopi radioattivi e l'ecosistema. Grazie a questa analisi, il team ha potuto ricostruire la "storia nucleare" dei quattro siti di produzione o detonazione, e capire qualcosa di più anche sugli effetti a lungo termine di queste attività. Ovviamente, la concentrazione di isotopi nei gusci delle tartarughe era più alta in corrispondenza dei periodi di produzione o in quelli successivi a una detonazione controllata, ma la presenza di uranio persiste anche negli anni, e nonostante i tentativi fatti nel tempo di "ripulire" i siti e bonificarli da ogni traccia nucleare. Un dettaglio interessante è che gli isotopi ritrovati nei gusci delle tartarughe erano in concentrazioni troppo basse per creare problemi agli animali stessi, la cui salute non è stata influenzata dalla vicinanza ai siti.

Lo studio servirà come base per ricostruire la storia nucleare del nostro Pianeta, e anche per capire meglio come gli isotopi radioattivi si muovono all'interno dell'ecosistema, passando dal suolo e dall'acqua a piante e animali.

30 agosto 2023 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us