Animali

I super sensi del guaciaro

Il guaciaro è una macchina perfetta, con tutti i sensi che funzionano al massimo: lo studiamo per copiare quello che fa.

Una delle specie di uccelli più misteriose sta svelando i suoi segreti. Il guaciaro (Steatornis caripensis) è un uccello dell'ordine dei Caprimulgiformi, che vive in alcune zone del Sud America. Poiché nidifica in grotte profonde, era già noto per avere un udito finissimo, per orizzontarsi in questi ambienti.

Una ricerca condotta da Signe Brinkløv, del Sound, Communication and Behaviour Group dell'università della Danimarca meridionale, ha scoperto che, oltre all'udito, la specie ha una vista eccezionale, un tatto molto sensibile e anche un ottimo olfatto. Quattro super sensi per un uccello che, nella media, è lungo fino a una cinquantina di centimetri, pesa poco meno di mezzo chilo e ha un'apertura alare che sfiora il metro.

Curiosità: cinque sensi nelle foto dei lettori di Focus.

La vista gli permette di cacciare di notte gli insetti di cui si nutre, il tatto è aiutato da finissime vibrisse attorno al becco e l'olfatto è utile (probabilmente) per rintracciare dall'odore la grotta in cui rientrare.

Di solito le specie animali hanno uno, o al massimo due sensi molto sviluppati: è difficile trovare una specie che ne abbia tre o addirittura quattro, come sembra accada per il guaciaro.

Biotecnologie. La ricerca è volta anche a esplorare l'impostazione multisensoriale per emularla nelle nostre tecnologie, in particolare per i droni, che possono essere guidati solo dalla vista: se si potesse applicare l'ecolocazione (cioè la navigazione aiutata dal suono, come accade per i pipistrelli, i delfini e, appunto, il guaciaro), questi strumenti potrebbero essere usati anche di notte e nelle zone alberate.

7 agosto 2017 Marco Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us