Animali

Gli zainetti per salvare le api

In Australia è stato messo a punto un piccolo sensore per raccogliere dati e capire le ragioni dell'ecatombe globale delle api.

Un gruppo internazionale di ricercatori, apicoltori e compagnie tecnologiche ha unito le forze per indagare le ragioni del crollo mondiale della popolazione delle api.

Il risultato è un minuscolo sensore applicato manualmente sul dorso di 10mila api in Australia, che monitora le attività degli insetti e fornisce dati per far fronte all'emergenza.

zaini di monitoraggio. Applicati sulla schiena, i sensori sembrano micro zainetti dal peso contenuto (5,4 milligrammi): contengono una piccola batteria che viene alimentata dall'energia dalle vibrazioni delle ali. I sensori registrano il tempo di lontananza dell'ape dall'alveare, le distanze coperte nei viaggi, le abitudini alimentari, l'esposizione ai pesticidi, l'inquinamento dell'aria e dell'acqua.

Le api sono insetti abitudinari e i cambiamenti nel loro comportamento possono illuminare sui fattori di stress e sui cambiamenti climatici intorno ad esse.

La tecnologia è stata messa a punto in Tasmania dalla australiana Commonwealth Scientific and Industrial Research Organisation (CSIRO), che raccoglie enti di ricerca e aziende. I risultati della ricerca saranno condivisi con la comunità scientifica mondiale l'anno prossimo.

Un drone-ape a cui viene applicato il sensore © CSIRO

la strage misteriosa. La popolazione mondiale delle api sta subendo un'ecatombe: il degrado dell'habitat causato da pesticidi e parassiti è la minaccia principale, ma la ragione precisa della strage resta avvolta nel mistero.

«Dopo una giornata nell'alveare, le api cadono morte e non sappiamo perché», spiega il Professor Paulo de Souza del Csiro, «è una sindrome che chiamiamo colony collapse disorder (disordine da collasso della colonia) e nessun ricercatore da solo sarebbe in grado di capirne il meccanismo».

28 agosto 2015 Martino De Mori
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La Bibbia è il libro più famoso del mondo. Eppure, quanti sanno leggere fra le righe del racconto biblico? Questo numero di Focus Storia entra nelle pagine dell'Antico Testamento per comprendere dove finisce il mito e comincia la storia, anche alla luce delle ultime scoperte archeologiche. E ancora: la Crimea, terra di conquista oggi come ieri; l'antagonismo fra Coca e Pepsi negli anni della Guerra Fredda; gli artisti-scienziati che, quando non c'era la fotografia, disegnavano piante e animali per studiarli e farli conoscere.

 

ABBONATI A 29,90€

Come sta la Terra? E che cosa può fare l'uomo per salvarla da se stesso? Le risposte nel dossier di Focus dedicato a chi vuol conoscere lo stato di salute del Pianeta e puntare a un progresso sostenibile. E ancora: come si forma ogni cosa? Quasi tutti gli atomi che compongono ciò che conosciamo si sono generati in astri oggi scomparsi; a cosa servono gli scherzi? A ribadire (o ribaltare) i rapporti di potere; se non ci fosse il dolore? Mancherebbe un segnale fondamentale che ci difende e induce solidarietà.

ABBONATI A 31,90€
Follow us