Animali

Gli zainetti per salvare le api

In Australia è stato messo a punto un piccolo sensore per raccogliere dati e capire le ragioni dell'ecatombe globale delle api.

Un gruppo internazionale di ricercatori, apicoltori e compagnie tecnologiche ha unito le forze per indagare le ragioni del crollo mondiale della popolazione delle api.

Il risultato è un minuscolo sensore applicato manualmente sul dorso di 10mila api in Australia, che monitora le attività degli insetti e fornisce dati per far fronte all'emergenza.

zaini di monitoraggio. Applicati sulla schiena, i sensori sembrano micro zainetti dal peso contenuto (5,4 milligrammi): contengono una piccola batteria che viene alimentata dall'energia dalle vibrazioni delle ali. I sensori registrano il tempo di lontananza dell'ape dall'alveare, le distanze coperte nei viaggi, le abitudini alimentari, l'esposizione ai pesticidi, l'inquinamento dell'aria e dell'acqua.

Le api sono insetti abitudinari e i cambiamenti nel loro comportamento possono illuminare sui fattori di stress e sui cambiamenti climatici intorno ad esse.

La tecnologia è stata messa a punto in Tasmania dalla australiana Commonwealth Scientific and Industrial Research Organisation (CSIRO), che raccoglie enti di ricerca e aziende. I risultati della ricerca saranno condivisi con la comunità scientifica mondiale l'anno prossimo.

Un drone-ape a cui viene applicato il sensore © CSIRO

la strage misteriosa. La popolazione mondiale delle api sta subendo un'ecatombe: il degrado dell'habitat causato da pesticidi e parassiti è la minaccia principale, ma la ragione precisa della strage resta avvolta nel mistero.

«Dopo una giornata nell'alveare, le api cadono morte e non sappiamo perché», spiega il Professor Paulo de Souza del Csiro, «è una sindrome che chiamiamo colony collapse disorder (disordine da collasso della colonia) e nessun ricercatore da solo sarebbe in grado di capirne il meccanismo».

28 agosto 2015 Martino De Mori
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us