Animali

Gli elefanti imparano a comunicare imitando i suoni

Alcuni ricercatori hanno scoperto che gli elefanti sono portati ad imitare i suoni che sentono più frequentemente e i versi che fanno potrebbero servire proprio come segno di appartenenza a un...

Gli elefanti imparano a comunicare imitando i suoni
Alcuni ricercatori hanno scoperto che gli elefanti sono portati ad imitare i suoni che sentono più frequentemente e i versi che fanno potrebbero servire proprio come segno di appartenenza a un determinato gruppo.

I piccoli elefanti imitano i suoni dei grandi dello suo gruppo e imparano a fare gli stessi versi, un modo distinguersi dalle altre famiglie. 
Credit:© P. Granli/ElephantVoices
I piccoli elefanti imitano i suoni dei grandi dello suo gruppo e imparano a fare gli stessi versi, un modo distinguersi dalle altre famiglie.
Credit:© P. Granli/ElephantVoices

Una elefantessa che abita in Kenya e un elefante africano della stessa specie (Loxodonta africana) che vive in uno zoo svizzero possono “parlare” due lingue assolutamente diverse e non riconoscibili tra loro.
Sulla comunicazione tra gli elefanti si sa ancora molto poco, anche se è certo che i loro versi sono tra i più sofisticati e vari del regno animale. Ma non è tutto: alcuni ricercatori del Amboseli Elephant Research Project in Kenya si sono accorti che gli elefanti imparano a emettere i suoni attraverso l'imitazione.
Imitare per imparare L'imitazione vocale - usata da uccelli, pipistrelli, delfini e balene - è una tecnica di apprendimento del “linguaggio” abbastanza rara, soprattutto tra i mammiferi terrestri. Finora, infatti, si pensava che ne fossero capaci soltanto i primati.
Mlaika, un esemplare di elefante africano femmina di 10 anni, vive in semi cattività a tre chilometri dall'autostrada Mombasa-Nairobi in Kenya, molto frequentata dai camion. Gli scienziati, colpiti dai suoi versi inusuali, li hanno analizzati e hanno scoperto che il suono somiglia, come frequenza e “melodia”, proprio a quello dei tir che passano ogni giorno dall'autostrada.
Dopo Mlaika sono stati analizzati anche i versi di un altro elefante africano, Calimero, che vivendo in uno zoo con alcuni elefanti asiatici (Elephas maximus) ha imparato a “cinguettare” come loro. Gli elefanti africani, infatti, di solito emettono un suono profondo e prolungato, mentre quello degli asiatici è più simile a un “cinguettio”.
Suono sociale. In condizioni normali molto probabilmente l'imitazione vocale è utile per cementare i legami tra i membri di uno stesso gruppo. In questo modo ogni branco ha il suo “dialetto”. Una forma di comunicazione che, secondo gli esperti, potrebbe servire anche a distinguere le famiglie tra loro, un po' come noi ci riconosciamo dal cognome.

(Notizia aggiornata al 24 marzo 2005)

24 marzo 2005
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La (brutta) storia della follia raccontata attraverso i re e gli imperatori ritenuti pazzi, i rimedi adottati nei secoli per “curarla” e l'infinita serie di pregiudizi e superstizioni che hanno reso la vita dei malati un inferno peggiore del loro male. E ancora: quando le donne si sfidavano a duello; la feroce Guerra delle due Rose, nell'Inghilterra del '400.

ABBONATI A 29,90€

Senza l'acqua non ci sarebbe la Terra, l'uomo è l'animale che ne beve di più, gli oceani regolano la nostra sopravvivenza: un ricco dossier con le più recenti risposte della scienza. E ancora: come agisce un mental coach; chi sono gli acchiappa fulmini; come lavorano i cacciatori dell'antimateria; il fiuto dei cani al servizio dell'uomo.

ABBONATI A 29,90€
Follow us