Animali

"Che cosa scelgo?" Anche le giraffe prendono decisioni usando l'analisi statistica

Non solo primati e certi uccelli: anche le giraffe si aggiungono alla lista di animali che usano la statistica per fare scelte informate.

Magari non ci fate caso, ma molte delle decisioni che prendete ogni giorno sono basate su informazioni parziali che il vostro cervello "completa" usando le sue abilità. L'analisi statistica è una di queste: se sbirciando in un sacchetto vedete una mela e dieci pere, e in un altro una pera e dieci mele, sceglierete il primo se preferite le pere, il secondo se amate le mele – anche se non sapete esattamente quante mele e quante pere siano contenute in entrambi.

Questa capacità è presente anche in alcuni animali: i primati, per esempio, ma anche certi uccelli, tutte specie caratterizzate da un cervello di grandi dimensioni relativamente al resto del cranio. Un nuovo studio pubblicato su Scientific Reports dimostra per la prima volta l'esistenza di questa abilità anche in animali il cui cervello è di piccole dimensioni rispetto alla scatola cranica: le giraffe.

Carote o zucchine? La scelta del team, una collaborazione internazionale tra Spagna e Germania, è ricaduta sulle giraffe per due motivi. Innanzitutto perché in passato hanno già dimostrato di comprendere il concetto di quantità assoluta – in altre parole sanno quale, tra due mucchi di cibo, contiene più oggetti. In secondo luogo, hanno una dieta molto varia, direttamente collegata allo sviluppo di capacità cognitive complesse.

I quattro esemplari coinvolti nell'esperimento sono stati messi di fronte a una serie di scelte tra due diversi contenitori trasparenti, contenenti una proporzione variabile di un cibo che apprezzano (le carote) e uno che non le fa impazzire (le zucchine). Lo sperimentatore selezionava un pezzo di cibo da ciascuno dei due contenitori senza far vedere di cosa si trattasse alle giraffe, che poi dovevano scegliere da quale mano nutrirsi, usando come riferimento solo quello che sapevano sui contenitori: in alcuni c'erano più zucchine che carote, in altri… viceversa, ovviamente.

Non sbaglio un colpo! La scelta delle giraffe era quindi basata su una previsione statistica: se scelgo la mano che ha preso un pezzo di cibo dal contenitore con più carote, ho più possibilità di "beccare" una carota, appunto, e non un'odiata zucchina. Le giraffe hanno sempre scelto la mano giusta, quella cioè che aveva pescato dal contenitore dal quale era statisticamente più probabile che uscisse una carota.

I risultati dell'esperimento dimostrano che le giraffe sono in grado di fare analisi statistiche, e che quindi non è necessario avere un cervello grosso come l'intero cranio per riuscirci – anzi, secondo gli autori è possibile che questa abilità sia molto più diffusa nel regno animale, anche al di là delle giraffe, di quanto pensassimo.

14 maggio 2023 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us