Animali

Il giardino di spugne sotto i ghiacci dell’Artico

Sotto i ghiacci dell'Artico, sulla cima di vulcani spenti, c'è un immenso (e strano) giardino di spugne giganti.

L'Oceano Artico è uno dei mari più inospitali del Pianeta: coperto in gran parte dai ghiacci, il suo fondale riceve pochissimi nutrienti ed è un luogo dove la vita fa fatica a trovare spazio. O almeno dovrebbe fare fatica, in teoria; poi, nella pratica, ci sono come sempre degli animali che trovano soluzioni creative e riescono a sopravvivere alle condizioni più estreme.

Spugne giganti. Un esempio notevole è quello che è stato scoperto dalla nave di ricerca Polarstern, di proprietà dell'Alfred Wegener Institute di Bremerhaven, in Germania, che nel corso di una spedizione nell'Artico ha scoperto un'immensa colonia di spugne giganti che vivono sulla cima di vulcani spenti, e che si nutrono dei cadaveri di chi è venuto prima di loro. Il team ha raccontato le sue osservazioni sulla rivista Nature Communications.

L'Oceano Artico è un ambiente cosiddetto oligotrofico, cioè povero di nutrienti: il fatto di essere coperto da ghiacci perenni limita la quantità di luce che penetra nella colonna d'acqua, e di conseguenza l'attività delle alghe e degli altri organismi fotosintetici – che a loro volta costituiscono la base della dieta di tutto il resto della rete alimentare.

Stupore. Ecco perché l'equipaggio della Polarstern, che è una nave rompighiaccio in grado di operare a temperature di -50 °C e permette l'osservazione diretta e la raccolta di campioni dal fondale oceanico, è rimasto stupito quando ha scoperto il giardino delle spugne: è un immenso ecosistema che copre le cime di un sistema di vulcani sottomarini ormai estinti, il Langseth Ridge, ed è popolato di esemplari di grandi dimensioni, e che quindi devono avere a disposizione molti nutrienti per crescere così. La domanda è: da dove li prendono, se vivono sotto il ghiaccio?

La risposta, un po' macabra, è: dai cadaveri dei loro predecessori. Non di altre spugne, ma di altri animali, che in passato hanno vissuto e prosperato sulla catena sottomarina grazie a un influsso di nutrienti che filtravano dai vulcani ancora attivi; animali che si sono lasciati alle spalle una serie di resti (conchiglie, gusci...) che sono oggi il substrato sul quale le spugne prosperano. Lo fanno grazie ai batteri con i quali sono in simbiosi, che sono in grado di digerire le sostanze organiche complesse e trasformarle in nutrienti per le spugne.

Quanto durerà? Gli autori dello studio sospettano che, proprio per questo motivo, questo ecosistema possa essere transitorio: i nutrienti che arrivano dall'alto rappresentano appena l'1% del fabbisogno nutritivo delle spugne, e il restante 99% (cioè i resti degli organismi precedenti) prima o poi si esaurirà, nel momento in cui le spugne l'avranno consumato tutto.

16 marzo 2022 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us