Animali

Quando il cane ti mette il muso

I cani hanno il senso della giustizia? Non proprio, però reagiscono male se trattati in maniera iniqua: una ricerca austriaca spiega perché. (Alessandro Bolla, 9 dicembre 2008)

Il cane è il miglior amico dell’uomo... finché non si arrabbia. I proprietari lo sanno bene: fare un grattino a un altro cane, magari incontrato al parco, è il miglior modo per scatenare le gelosie del proprio amico a quattro zampe. Una recente ricerca austriaca ora ha confermato scientificamente questa esperienza comune a molti proprietari di cani.
Qua la zampa! Friederike Range e i suoi colleghi dell’Università di Vienna hanno chiesto a 43 cani addestrati di porgere le zampa a un essere umano in varie situazioni. Nel linguaggio dei cani porgere la zampa al padrone è un gesto che significa amicizia e affetto. Gli animali hanno "battuto il 5" praticamente sempre, indipendentemente dall’aver ricevuto o meno un premio o dall’essere soli o con altri cani. La situazione è però cambiata quando hanno visto altri animali ricevere una ricompensa (una carezza o un biscottino) mentre viceversa a loro non era stato dato niente.
L'ingiustizia stressa. I cani ignorati hanno dato la zampa molto meno spesso rispetto a tutti i test precedenti (13 volte su 30 richieste) e hanno manifestato sintomi di stress e di disagio. «Il trattamento iniquo rende i cani infelici - afferma Range - il sospetto è che questo tipo di reazione si scateni per il cibo ma anche per le attenzioni e le coccole e spiegherebbe come mai alcuni cani reagiscono male all’arrivo in famiglia di un neonato. Secondo i ricercatori questo atteggiamento potrebbe essere frutto dell’addomesticamento:per averne una prova stanno conducendo esperimenti simili sui lupi (in proposito leggi anche perché secondo alcuni studi il lupo sarebbe più intelligente del cane).

Vuoi saperne di più sul comportamento canino (e felino)? Fai un giro sul blog delle esperte

9 dicembre 2008
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us