Gattone acquatico

42-28139282
Un giaguaro (Panthera onca) nuota in un fiume brasiliano.|© Joe McDonald/Corbis
Cosa non si fa per amore (e per fame): per procurarsi i pesci di cui è ghiotto, il giaguaro (Panthera onca) non solo è diventato un abile nuotatore, ma addirittura ha sviluppato una tecnica di pesca tutta sua.
Sdraiato su un ramo, sfiora con la coda la superficie dell'acqua pronto ad agguantare con una zampata i malaugurati pesci che accorrono attratti dal movimento simile a quello provocato da un insetto.
Re indiscusso dell'America, un tempo questo maestoso felino era diffuso dalla California alla Patagonia, mentre oggi sopravvive solo nella ristretta area della foresta amazzonica. Molto simile al leopardo, che invece vive in Africa e Asia, ha un mantello maculato molto particolare: le macchie scure sono riunite in rosette più o meno grandi, con l'interno di colore rossastro e al centro una o più macchioline tonde. Una variante di colore molto diffusa è quella melanica, in cui la colorazione scura è predominante a scapito di quella chiara: questi giaguari sono conosciuti come pantere nere.
Anche altri felini trovano nell'acqua un elemento naturale, come la tigre  a cui piace immergersi e nuotare, o il gatto pescatore (Felis viverrina), un felino selvatico diffuso in Asia con le zampe anteriori palmate, ma anche alcune specie di gatti domestici come il norvegese delle foreste o il Turkish van.

La tigre di casa: tante bellissime foto e curiosità su gatti e gattoni
.
13 Agosto 2012 | Rebecca Mantovani