Speciale
Domande e Risposte
Animali

Il tuo gatto è amichevole anche con chi ti tratta male?

La pappa è sempre la pappa... Sembra che il gatto, a differenza del cane, non abbia problemi ad accettare da mangiare da chi tratta male il suo padrone. Ma c'è una spiegazione.

Come funziona il rapporto tra uomo e gatto? È vero che c'è una differenza fondamentale tra il gatto e il cane, e che il primo non stringe, con gli umani, rapporti profondi quanto il secondo? Lo stereotipo del gatto indifferente è stato in parte demolito negli ultimi anni da una serie di studi che dimostrano come anche i gatti siano capaci di lealtà e rapporti profondi con noi umani, ma un nuovo studio che arriva dal Giappone sembra andare nella direzione opposta: stando a quanto si legge nel lavoro pubblicato su Animal Behavior and Cognition, il gatto, a differenza del cane, non si fa alcun problema a dimostrare affetto nei confronti di una persona che si è dimostrata ostile verso il padrone.

L'esperimento descritto nello studio, condotto da un team dell'università di Kyoto, è la replica felina di un altro esperimento identico inventato per i cani. Prevede di prendere il gatto e il suo padrone e metterli in una stanza insieme a una scatola chiusa e a due sconosciuti. La scatola è impossibile da aprire per una sola persona, e i due sconosciuti rappresentano due atteggiamenti opposti di fronte alla situazione: uno aiuta il padrone del gatto, l'altro lo ignora.

il gatto in scatola. Dopodiché, entrambi gli sconosciuti offrono del cibo al gatto: quando l'esperimento è stato condotto sui cani, questi ultimi hanno sempre dimostrato una preferenza evidente verso l'umano che ha aiutato il padrone, e indifferenza o addirittura ostilità verso quello che non ha alzato un dito. Al contrario, i gatti non hanno mostrato alcuna preferenza e nessuna voglia di evitare l'umano "cattivo": di fronte al cibo non c'è legame affettivo che tenga.

Quindi il gatto è indifferente al destino del suo umano? Così potrebbe sembrare, ma secondo Ali Boyle, la ricercatrice di Cambridge - esperta di intelligenza animale - che ha raccontato lo studio giapponese su The Conversation, l'interpretazione dei risultati è più complessa.

Non lo fanno apposta. Secondo Boyle, interpretare i risultati dicendo che i gatti non sono interessati a ciò che ci accade significa antropomorfizzare i loro comportamenti, ed è invece più probabile che il motivo per cui nell'esperimento non hanno dimostrato preferenze è che i felini non sono in grado di leggere così bene i nostri comportamenti sociali, e dunque non capiscono che uno dei due umani è "buono" e l'altro "cattivo". Secondo Boyle, insomma, non è vero che i gatti se ne fregano se qualcuno ci tratta male: semplicemente, non se ne accorgono.

10 marzo 2021 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La vita straordinaria di Rita Levi-Montalcini, l'unica scienziata italiana premiata con il Nobel: dall'infanzia dorata alle leggi razziali, dagli studi in America ai legami con una famiglia molto unita, colta e piena di talenti. E ancora: l'impresa in Antartide di Ernest Shackleton; i referendum che hanno cambiato il corso della Storia; le prime case popolari del quartiere Fuggerei, ad Augusta; il mito, controverso, di Federico Barbarossa.

ABBONATI A 29,90€

Tutto quello che la scienza ha scoperto sui buchi neri: fino a 50 anni fa si dubitava della loro esistenza, ora se ne contano miliardi di miliardi. Inoltre, come funziona la nostra memoria; l'innovativa tecnica per far tornare a camminare le persone paraplegiche; la teconoguerra in Ucraina: quali sono le armi tecnologiche usate.

ABBONATI A 31,90€
Follow us