Uno studio condotto sul comportamento dei gabbiani di Bristol (Regno Unito) dimostra come questi uccelli abbiano imparato il concetto di pausa pranzo.

Vi è mai capitato di sedervi su una panchina in un parco per mangiare un panino e trovarvi all'improvviso circondati da gabbiani che vi osservano famelici? I "furti" di cibo nei nostri confronti da parte di questi uccelli sono la normalità in tutto il mondo, e i gabbiani sono tra gli animali che meglio di tutti si sono adattati alla vita urbana.

Per capire esattamente quanto, un team dell'università di Bristol, una città inglese abituata a una notevole presenza di gabbiani, ne ha tracciato per mesi gli spostamenti in ambito urbano, e ha scoperto che questi uccelli hanno imparato il concetto di "pausa pranzo" e lo sfruttano per procurarsi il cibo; i risultati dello studio sono pubblicati su Ibis.

Le città e il cibo. Per gli animali, gli ambienti urbani sono una novità molto recente: ci vogliono migliaia o milioni di anni perché l'evoluzione faccia il suo corso e un essere vivente si adatti a un nuovo ambiente, e le città esistono da molto meno tempo. Una città è diversa da un ecosistema naturale per ovvi motivi, e in particolare la disponibilità di cibo è legata a un fattore del quale gli animali in natura non devono tenere conto: l'attività umana, che procede secondo cicli giornalieri o settimanali e alla quale è necessario abituarsi se si vuole sopravvivere in un ambiente urbano.

Il team guidato da Anouk Spelt ha quindi deciso di tracciare, grazie all'uso di mini-zainetti equipaggiati di un sensore GPS, i movimenti di 12 gabbiani di Bristol, della specie Larus fuscus (in italiano si chiama zafferano), e di osservare l'attività delle colonie locali in tre zone "calde" dal punto di vista alimentare: un parco, una scuola e una discarica.

Un'ora di pausa pranzo. I risultati hanno confermato quello che già si sospettava: i gabbiani sanno quando la gente va in pausa pranzo e si mette quindi nel parco, o nel giardino della scuola, a mangiare un panino o un'insalata. I volatili di Bristol modulano la loro intera attività giornaliera su questi ritmi: si avvicinano alla scuola quando è ora di pranzo, e conoscono anche gli orari di apertura e chiusura della discarica (per cui sanno quando, per così dire, il ristorante rinnova il menu).

Non solo: gli orari di attività dei gabbiani nel parco sono indipendenti dai nostri, e legati invece ai ritmi naturali; questo significa che la popolazione di Bristol ha orari flessibili a seconda di dove sceglie di andare a mangiare, e che può quindi organizzare la propria giornata per ottimizzare la ricerca di cibo.

26 novembre 2020 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us