Animali

La zampa di dinosauro morto per l’impatto dell'asteroide

Negli Stati Uniti è stato scoperto il fossile di una zampa di dinosauro che era lì quando l'asteroide Chicxulub cadde sulla Terra.

Tanis è uno scavo paleontologico nel North Dakota che da anni suscita meraviglia e polemiche insieme. Scoperto nel 2019 da Robert DePalma, dottorando della University of Kansas, Lawrence, è ricchissimo di fossili di ogni genere che, secondo gli autori dello scavo, hanno una caratteristica unica: sono i resti delle vittime dell'impatto di Chicxulub, l'asteroide che 65 milioni di anni fa piombò sulla Terra causando tra l'altro l'estinzione dei dinosauri.

L'ultima scoperta fatta a Tanis è una zampa di dinosauro, preservata alla perfezione e il cui "proprietario" morì proprio nel giorno dell'impatto (che avvenne a circa 3.000 km di distanza). Il problema di questo fossile, la cui scoperta è stata riportata per prima da BBC, è che ancora nessun paleontologo ha avuto modo di leggerne la descrizione o di studiarlo da vicino.

Dinosauri: Focus 354 - Aprile 2022
L'articolo Jurassic news, di Gabriele Ferrari, pubblicato su Focus 354 (aprile 2022) racconta tutte le ultime notizie sulla preistoria. Leggi anche il nuovo Focus in edicola! © Focus

L'esclusiva sui fossili. Il motivo di questo mistero (che accompagna il sito di Tanis fin dai suoi primi giorni) è di carattere commerciale: DePalma e il suo team, infatti, hanno un accordo proprio con la BBC, e stanno filmando il loro lavoro per un documentario sul sito paleontologico (previsto per venerdì 15 aprile) su BBC One. L'esclusiva significa che tutti i fossili trovati a Tanis sono stati pubblicizzati sulla stampa, ma non ancora descritti in un contesto formale, né l'analisi dei resti sottoposta a peer review: ecco perché molti paleontologi hanno espresso dei dubbi o quantomeno deciso di sospendere il proprio giudizio sulla zampa in attesa di poterla studiare approfonditamente. Per ora quello che sappiamo è che il fossile è perfettamente conservato, al punto che ha ancora pezzi di pelle attaccati, e che appartiene alla specie Thescelosaurus, un piccolo dinosauro erbivoro vissuto nel Cretaceo superiore ed estintosi proprio a causa di Chicxulub.

Prima, dopo o durante l'asteroide? Se da un lato non ci sono dubbi sull'identificazione del fossile e la sua attribuzione a Thescelosaurus, dall'altro è impossibile avere la certezza che risalga davvero al giorno dell'impatto dell'asteroide, almeno non prima di aver potuto leggere lo studio che descrive la zampa. Non è impossibile, ovviamente, ma c'è anche la possibilità che il resto sia stato sepolto anni prima dell'arrivo dell'asteroide, e sia poi ritornato in superficie dalla violenza dell'impatto, e successivamente ri-sepolto dalla polvere e dai detriti sollevati da Chicxulub.

Al contrario, è anche possibile che la zampa di Thescelosaurus sia arrivata a Tanis dopo l'impatto, trasportata in zona dalle forti piogge causate dall'asteroide. Per avere più certezze bisognerebbe conoscere il contesto geologico nel quale la zampa è stata trovata (cioè dov'era posizionata nell'area), e poter analizzare alcuni dettagli anatomici (per esempio se ci sono o meno detriti che si sono infilati tra l'osso e la pelle fossilizzata: la seconda possibilità supporterebbe l'ipotesi che l'animale sia morto il giorno della caduta dell'asteroide). L'attesa è dunque per l'uscita del documentario della BBC, e soprattutto dello studio completo su Tanis.

20 aprile 2022 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Oggi il presidente ucraino Zelensky, ieri l'imperatore Claudio, la contessa-guerriera Caterina Sforza, il sindacalista Lech Walesa, il sovrano Giorgio VI... Tutti leader per caso (o per forza) che le circostanze hanno spinto a mettersi in gioco per cambiare il corso della Storia. E ancora: nella Urbino di Federico da Montefeltro, un grande protagonista del Rinascimento; 30 anni fa, la morte di Giovanni Falcone a Capaci; lo scandalo Watergate che costrinse il presidente Nixon alle dimissioni; i misteri, mai risolti, attorno all'omicidio di Giovanni Borgia.

ABBONATI A 29,90€

Il mare è vita eppure lo stiamo sfruttando e inquinando rischiando il collasso dell’ecosistema globale. Per salvarlo dobbiamo intervenire. Come? Inoltre: perché è difficile prendere decisioni; esiste l'archivio globale dei volti; come interagire con complottisti e negazionisti; perché i traumi di guerra sono psicologicamente pesanti.

ABBONATI A 31,90€
Follow us