Animali

Come si è evoluto il (pericoloso) colore rosso negli animali?

Rintracciate le più antiche tracce di pigmento rosso, mai ritrovate finora, su un fossile di rana. Perché il rosso, che contiene sostanze potenzialmente tossiche, è un colore ancora presente negli animali?

Meno del 2% della popolazione mondiale ha i capelli rossi: è una condizione molto rara ed è determinata dalla presenza di un pigmento chiamato feomelanina, una delle cinque tipologie di melanina presenti negli organismi viventi.

Ma quando è nato questo colore e perché si è evoluto se è potenzialmente dannoso per chi lo "indossa"? Uno studio pubblicato su Nature Communications risponde (anche) a queste domande, descrivendo per la prima volta un metodo affidabile di identificazione delle tracce fossili dei pigmenti colorati, che potrebbe rivelarsi di grande aiuto per studiare l'evoluzione del colore negli esseri viventi.

Colori dal passato. Nella stragrande maggioranza dei casi, un fossile non contiene più le informazioni relative al colore dell'animale (o pianta) che l'ha generato: le temperature e le pressioni altissime alle quali sono sottoposti i resti organici degradano tutte le sostanze chimiche, compresi i pigmenti che ne determinano il colore.

Il team dello University College di Cork, in Irlanda, è però riuscito a ricostruire, sperimentando su diverse piume di uccello, il percorso di trasformazione dei pigmenti colorati durante il processo di fossilizzazione, e a identificare le tracce che lascia: in altre parole, il loro metodo non individua le melanine (che non si conservano in un fossile), ma le tracce biochimiche lasciate dalla loro trasformazione. La tecnica è stata applicata poi a fossili di dinosauri, uccelli e rane.

 

Perché il rosso? E proprio queste ultime hanno dato i risultati più interessanti: i fossili usati appartengono alla specie Pelophylax pueyoi, vissuta circa 10 milioni di anni fa, e contengono tracce non solo di eumelanina (quella che determina i colori marrone e nero), ma anche di feomelanina. La scoperta rende la rana l'animale più antico che abbiamo trovato la cui pelle contenesse il colore rosso. E questo è particolarmente interessante perché la feomelanina è una sostanza cosiddetta fototossica, che reagisce cioè alla luce del sole amplificandone gli effetti negativi: se è così dannosa, come mai si è evoluta negli animali, ed è arrivata fino a noi? Continuare a studiare l'evoluzione dei colori, ora che possiamo identificarli anche nei fossili, potrebbe aiutarci a rispondere a questa domanda.

20 ottobre 2023 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us