Animali

Estinto? Macché: toporagno elefante riappare dopo 50 anni

Riavvistati in Africa orientale 12 esemplari di sengi somalo (Elephantulus revoili), un toporagno elefante di cui si erano perse le tracce dal 1968.

I biologi non si imbattevano in questo musetto allungato da mezzo secolo: il sengi somalo (Elephantulus revoili), un toporagno elefante che popola le aree desertiche dell'Africa orientale, era considerato estinto dal 1968, ma adesso è - si fa per dire - "tornato tra noi". Una spedizione della Duke University (USA) ne ha individuati una dozzina di esemplari nella Repubblica di Gibuti, nel Corno D'Africa, dopo aver dato credito a una serie di avvistamenti riportati dalla popolazione locale.

Il piccolo mammifero insettivoro dalla vistosa proboscide, che vanterebbe antenati comuni con elefanti e lamantini, è sempre stato lì, forse protetto dalla sua velocità, che gli consente di darsi alla macchia facilmente.

Un tipo riservato. Come si legge nella ricerca pubblicata su PeerJ, il sengi somalo figurava tra le 25 specie perdute più ricercate della Global Wildlife Conservation, un'organizzazione impegnata nella tutela della biodiversità e nella salvaguardia delle specie a rischio estinzione. Prima della data di scomparsa ufficiale di questo toporagno - il 1968 - se ne conoscevano comunque solo 39 esemplari, individuati nell'arco di diversi secoli e conservati ormai impagliati nei musei.

I toporagni elefante non sono né topi né elefanti, ma mammiferi di un ordine a sé (quello dei Macroscelidei) che si trovano esclusivamente in Africa. Devono il loro nome al muso lungo e flessibile che usano per esplorare le cavità delle rocce e del terreno, alla ricerca costante di insetti, vermi, ragni.

Un sengi somalo impegnato a cercare di mimetizzarsi tra le rocce. © Houssein Rayaleh, Association Djibouti Nature

Preso per la gola. Nel 2019 il team di scienziati si è messo sulle tracce del fuggitivo nella Repubblica di Gibuti, sistemando succulente esche a base di burro di arachidi, fiocchi d'avena e lievito in oltre 1.200 trappole sparse in 12 località dove la popolazione diceva di aver avvistato l'animale. Il primo esemplare di sengi è stato catturato - e poi rilasciato - quasi subito, un ottimo segno dati gli scarsi incontri del passato. In tutto sono stati trovati 12 esemplari di toporagni, abbastanza per non considerare più il piccoletto una specie scomparsa.

Informazioni interessanti sono emerse anche dall'analisi del DNA: il sengi somalo rappresenterebbe infatti un nuovo genere, non più Elephantulus ma Galegeeska, strettamente imparentato con altre specie di sengi di Marocco e Africa del sud. Come questo mammifero sia riuscito a sparpagliarsi in un territorio così ampio nonostante le piccole dimensioni del suo habitat e le abitudini schive, rimane un mistero.

2 settembre 2020 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us