Animali

Embrioni fossili: presto la soluzione?

Sono stati ritrovati in Cina quasi vent’anni fa. Ma ancora oggi gli scienziati non sanno a che specie appartengano. Forse erano embrioni di animali molto più primitivi delle spugne e delle meduse.

Embrioni fossili: presto la soluzione?
Sono stati ritrovati in Cina quasi vent’anni fa. Ma ancora oggi gli scienziati non sanno a che specie appartengano. Forse erano embrioni di animali molto più primitivi delle spugne e delle meduse.

La riproduzione artistica di un
embrione di dinosauro.

Sono piccoli, meno di un millimetro di diametro, eppure stanno attirando l’interesse di tutta la comunità scientifica internazionale: si tratta di embrioni fossili vecchi più di mezzo miliardo di anni che, grazie alle più recenti tecnologie, stanno svelando ai ricercatori molti dei segreti custoditi al loro interno.

Dalla Cina con furore
I reperti sono stati trovati nel 1988 nella Cina meridionale, in depositi di tipo minerale che hanno preservato in maniera perfetta ogni dettaglio, consentendo agli scienziati di osservare la divisione cellulare nelle sue diverse fasi. Non è ancora chiaro a quale specie animale appartengano gli embrioni, poiché la loro datazione è assai approssimativa e non sono stati trovati fossili in stadi di sviluppo successivi che consentano di arrivare a identificare un animale adulto.

Conta che ti passa
Analisi condotte nel passato, avevano consentito agli scienziati di studiare gli embrioni solo nella loro parte più esterna, impedendo un conteggio accurato delle cellule custodite nella parte interna del reperto. Shuhai Xiao e i suoi colleghi del Virginia Polytechnic Institute (Usa) hanno recentemente sottoposto gli embrioni a una serie di analisi computerizzate e, grazie tecniche di visualizzazione in 2 e 3 dimensioni, sono riusciti a identificare le differenti composizioni delle cellule, evidenziando con precisione quelle annidate nella parte più interna dei fossili.

Per una cellula in più
Alcuni embrioni contengono esattamente il numero di cellule previsto dopo 2, 4, 8, 16 o 32 divisioni, altri ne contengono un numero leggermente superiore o inferiore: questo accade perché i sistemi di controllo genetico prevedono frequenze di suddivisione diverse per cellule di tipo diverso. Le analisi hanno inoltre evidenziato sottili differenze nella mineralizzazione all’interno delle cellule che, secondo Xiao, possono essere ricondotte alla presenza di organuli cellulari o nuclei in fase di scissione.

Più che primitivi
Negli embrioni fossili analizzati da Xiao mancano due caratteristiche fondamentali presenti negli embrioni di ogni specie moderna: un rivestimento cellulare esterno noto come epitelio e una cavità chiamata blastocele. Questo fa supporre che i reperti appartengano a specie ancora più primitive delle più semplici forme di vita presenti oggi sulla Terra, comprese spugne e meduse.

(Notizia aggiornata al 13 ottobre 2006)

13 ottobre 2006
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

ll ritratto, le scoperte, il viaggio sul brigantino Beagle di Charles Darwin, il grande naturalista che riscrisse le leggi della vita e sfidò il pensiero scientifico e religioso del suo tempo. E ancora: la mappa delle isole linguistiche in Italia, per capire dove e perché si parla cimbro, occitano, grecanico o albanese; niente abiti preziosi, gioielli e feste: quando l'ostentazione del lusso era vietata; ritorno a Tientsin, un angolo di Cina “made in Italy”.

ABBONATI A 29,90€

La scienza sta già studiando il futuro di chi abiterà il nostro Pianeta. Le basi lunari e marziane saranno il primo step per poi puntare a viaggi verso stelle così lontane da richiedere equipaggi che forse trascorreranno tutta la vita in astronavi-città. Inoltre: quanto conta il sesso nella vita di coppia; i metodi più efficaci per memorizzare e ricordare; perché dopo il covid l'olfatto e il gusto restano danneggiati. E come sempre l'inserto speciale Focus Domande&Risposte ricco di curiosi quesiti ai quali rispondono studi scientifici.

ABBONATI A 29,90€
Follow us