Animali

Embrioni di maiale con organi umani

Le "chimere" sono state lasciate sviluppare per 28 giorni prima di essere distrutte e analizzate, in un controverso esperimento statunitense per ricavare organi da usare nei trapianti.

Nel tentativo di usare i maiali come "incubatori" di organi umani da utilizzare nei trapianti, un gruppo di scienziati statunitensi ha creato embrioni chimera in parte di maiale, in parte umani.

I ricercatori dell'Università della California, Davis hanno inserito cellule staminali umane pluripotenti nel DNA di embrioni di suino, e lasciato che questi crescessero nel ventre delle scrofe per 28 giorni, prima di distruggerli e analizzarne i tessuti.

Potenzialità. Secondo gli autori del controverso esperimento, del quale non si conoscono ancora molte implicazioni, gli embrioni si sarebbero sviluppati in maiali simili ad altri per aspetto e comportamento, ma con all'interno organi (nella fattispecie, pancreas) umani.

Taglia e (ri)cuci. La ricerca, alla quale i National Institutes of Health statunitensi hanno negato finanziamenti, prima di conoscerne gli sviluppi, si è svolta essenzialmente in due fasi. Utilizzando le "forbici molecolari" per l'editing genetico CRISPR, dagli embrioni di maiale sono stati rimosse le porzioni di DNA che avrebbero consentito lo sviluppo del pancreas.

In questa nicchia genetica sono state poi iniettate cellule staminali umane pluripotenti, capaci di svilupparsi potenzialmente in qualunque organo, e ottenute dalla riprogrammazione di cellule adulte. La speranza era che, approfittando del "vuoto" genetico creato, si sviluppasse nei maiali un pancreas fatto esclusivamente di cellule umane.

Partendo dalle cellule del ricevente, la tecnica potrebbe consentire, secondo i suoi fautori, di ottenere organi completamente compatibili con quelli del paziente.

Il momento in cui cellule staminali umane (nella siringa, sulla destra) vengono iniettate in un embrione di maiale. © Pablo Ross/UC Davis

I rischi. Ma al di là dell'intento di supplire a un'oggettiva carenza di organi da trapianto, l'esperimento rimane molto controverso. Una delle maggiori preoccupazioni è che le cellule umane pluripotenti possano migrare dalla nicchia genetica creata e contribuire allo sviluppo del cervello dell'animale, rendendolo, in qualche modo, in parte "umano". Una possibilità, questa, che Pablo Ross, a capo dello studio, definisce «a potenziale molto basso».

C'è poi il discorso della sofferenza animale: prima di utilizzare maiali come incubatrici di organi umani, sarebbe forse meglio, suggeriscono diverse organizzazioni a tutela degli animali, incoraggiare la cultura della donazione di organi tra gli esseri umani.

Solo lo stretto necessario. Walter Low, neurochirurgo dell'Università del Minnesota, ha spiegato alla BBC che ricerche come questa potrebbero servire a ottenere anche cuori, fegati, polmoni, reni e cornee umane a basso rischio di rigetto. Ma ha anche precisato che siamo in una fase preliminare di questi studi, in cui si sta ancora cercando di "prendere la mira" sui target genetici giusti, per evitare che negli embrioni animali si sviluppino anche organi extra, indesiderati.

Per ora, l'unica cosa certa è che le tecniche di editing genetico hanno rivitalizzato il campo degli xenotrapianti, cioè della possibilità di usare organi animali per pazienti umani, che aveva subito una battuta di arresto nei trial clinici.

6 giugno 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us