Ambiente

Elefanti, mai così male in 25 anni

L'ultimo rapporto del CITES sullo stato di salute dei pachidermi nel continente africano stima una perdita di 111 mila esemplari dal 2006. La colpa è principalmente del bracconaggio.

La popolazione di elefanti africani sta attraversando il peggiore declino degli ultimi 25 anni: è l'allarme lanciato dal 17esimo meeting del CITES, la Convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione riunita negli ultimi giorni a Johannesburg, Sudafrica.

Il rapporto è l'analisi più completa sullo stato di salute di questi mammiferi nei 37 stati dell'Africa subsahariana in cui sono diffusi, ed è stato redatto a partire da oltre 275 nuove stime delle diverse popolazioni presenti sul territorio.

Coincidenza sinistra. Si apprende così che il numero di elefanti stimato per il 2015 è di 93 mila unità inferiore a quello del 2006; a questo numero vanno aggiunti 18 mila perdite da aree finora non considerate. In tutto, fanno 111 mila esemplari in meno, un declino dovuto soprattutto all'impennata del commercio illegale di avorio che si è verificata - non a caso - una decina di anni fa.

Quanti ne restano. Anche la perdita e la frammentazione dell'habitat, con il disboscamento e l'avanzata dell'uomo, hanno giocato la loro parte. Ora si pensa rimangano 415 mila elefanti in tutto il continente (il 70% dei quali in Sudafrica), anche se potrebbero essercene tra i 117 mila e i 135 mila in aree non analizzate in modo sistematico. Nella regione maggiormente colpita dal bracconaggio, l'Africa orientale, sono spariti circa la metà degli esemplari (a causa soprattutto della riduzione del 60% del loro numero in Tanzania).

Troppo veloci. La conferenza ha riportato la situazione anche di altre specie a rischio, come i rinoceronti e - caso meno conosciuto - gli avvoltoi africani. Il destino dei rapaci è legato alla velocità con cui arrivano alle carcasse: trovano un elefante entro mezz'ora dalla sua morte.

Per evitare che le autorità possano essere richiamate dalla loro presenza, i trafficanti di avorio avvelenano ciò che resta degli elefanti, uccidendo in un colpo solo anche gli avvoltoi che di essi si cibano. Sette popolazioni di avvoltoi su 11 sono hanno perso almeno l'80% di esemplari.

2 ottobre 2016 Elisabetta Intini
Tag ambiente - animali -
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Le sfide della Chiesa per tutelare la propria autonomia e i suoi territori. A colpi di alleanze, scomuniche, guerre, ma anche preziose committenze ai più grandi artisti del Rinascimento, ecco come i pontefici sono stati protagonisti di secoli di storia. E ancora: quando, 100 anni fa, l'Irlanda venne divisa in due; origini, regole e curiosità degli scacchi; perché le legioni romane erano imbattibili.

 

ABBONATI A 29,90€

Quale incredibile processo ha fatto nascere la vita sul nostro pianeta? Tutte le ultime ipotesi scientifiche. Inoltre: i numeri e le mappe della pandemia che ci ha cambiato nel 2020 e cosa ci aspetta nel 2021; le nuove frontiere del cinema; i software che ci identificano in base al modo di camminare; il sesso strano del mondo animale.

ABBONATI A 29,90€

Sul nuovo numero di Focus Domande&Risposte tantissime domande e risposte curiose e inaspettate nel nome della scienza. Per esempio: è vero che la musica fa cambiare sapore al formaggio? E che mariti e mogli con il tempo si assomigliano? E che la solitudine cambia il nostro cervello?

ABBONATI A 29,90€
Follow us