Animali

Gli elefanti africani sono di due specie, entrambe a un passo dall’estinzione

L'ente che fa da sentinella sulla conservazione della natura ha diviso gli elefanti africani in due specie, definendole entrambe ad alto rischio di estinzione.

Gli elefanti africani rischiano l'estinzione. A molti sembrerà una banalità – i pachidermi sono da sempre uno dei primi esempi che vengono in mente quando si parla di specie a rischio – ma è in realtà una catastrofe, peggiore di quella che credevamo e che può avere imprevedibili effetti a cascata su tutti gli ecosistemi africani.

Non un problema di spazio. L'aggiornamento sulla situazione degli elefanti africani arriva dall'IUCN (l'Unione internazionale per la conservazione della natura, osservatore dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite), che nella sua Lista Rossa delle specie a rischio ha di recente aggiornato la posizione di questi mammiferi, riconoscendo l'esistenza di due specie e segnalandole entrambe come a rischio estinzione. E ulteriori informazioni arrivano da uno studio pubblicato su Current Biology, nel quale si legge che il problema degli elefanti africani non è la carenza di spazio vitale, ma il fatto che per colpa nostra occupano meno di un quinto di quello che avrebbero a disposizione.

La scoperta che gli elefanti africani appartengono a due specie separate risale a undici anni fa, quando fu annunciata in uno studio pubblicato su PLOS Biology che individuava una specie di savana (Loxodonta africana) e una di foresta (Loxodonta cyclotis). Da allora sono cominciati i conteggi, per capire esattamente quanti individui rimanessero e dove: a oggi, l'IUCN stima che rimangano appena 415.000 elefanti africani in Africa, meno di 30.000 dei quali appartengono alla "variante di foresta".

Una peggio dell'altra. Che delle due è quella che ha subito il declino più deciso: negli ultimi trent'anni la sua popolazione è crollata dell'86%, contro il "solo" 60% dell'elefante di savana. I motivi di questa strage sono sempre i soliti: il bracconaggio e la distruzione e frammentazione dell'habitat, che è un grosso problema per due specie che sono abituate ad abitare areali enormi e percorrere lunghe distanze.

Sull'habitat, però, c'è un'altra importante considerazione da fare, che è quella che si legge nello studio di Current Biology: in Africa c'è ancora molto spazio libero per gli elefanti; in particolare, in tutto il continente ci sono ancora 18 milioni di chilometri quadrati di terra che sarebbero a disposizione, dei quali però appena il 17% è effettivamente abitato dai pachidermi. La ricerca condotta dal Mara Elephant Project, in Kenya, ha richiesto 15 anni di studio e tracciamento di oltre 200 esemplari, che sono serviti a determinare quali sono gli habitat che preferiscono e quali quelli dove invece non c'è speranza di vederli tornare (un solo esempio: il Sahara).

La possibile soluzione. I risultati dicono che circa il 60% del continente è potenzialmente abitabile dagli elefanti, ai quali però non è data la possibilità di espandersi: bracconaggio e distruzione dell'habitat sono i principali ostacoli a un ripopolamento. Se però riuscissimo a ridurre o eliminare questi elementi di disturbo, si legge nello studio, gli elefanti africani potrebbero tornare ad avere un futuro.

14 aprile 2021 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us