Animali

Il ruolo degli elefanti africani nel controllo del clima

Correlazioni inattese: gli elefanti si nutrono di piante che lasciano poi il posto ad altre piante molto più utili ed efficaci nell'assorbire la CO2.

Quando parliamo di estinzione, in particolare quella di alcune specie che hanno un alto valore simbolico (l'orso bianco, il panda, la balena, il delfino), ci concentriamo sempre sull'animale, quasi mai sulle conseguenze che avrebbe la sua scomparsa sull'ecosistema. Prendiamo a esempio gli elefanti africani: nel 2016 ne rimanevano poco più di 400.000 esemplari, contro i 700.000 di cinque anni prima, e la loro popolazione continua a calare; da tempo sappiamo quasi tutto sul loro ruolo ecologico, ma solo quest'anno, per la prima volta, un gruppo di ricerca dell'Università di Saint Louis ha provato a calcolare quale sarebbe l'impatto sul clima mondiale se il Loxodonta africana sparisse dalla faccia della Terra.

I risultati non sono rassicuranti, e sono legati proprio al ruolo ecologico dell'elefante, che bruca cespugli e piante, con una forte preferenza per quelle a crescita più rapida, che vengono divorate e anche calpestate durante i pasti; questo comportamento libera il terreno per altre piante, a crescita più lenta. Tutto questo lo sapevamo, ma il lavoro del team guidato da Fabio Berzaghi mette in evidenza un altro dettaglio: gli alberi a crescita lenta hanno il tronco più denso di lignina, il polimero che ricopre le pareti delle cellule vegetali e la cui struttura è composta da una "spina dorsale" di molecole a base di carbonio. Più lignina c'è nel tronco di un albero, dunque, maggiore è la sua capacità di assorbire carbonio, sequestrandolo dall'atmosfera, perciò maggiore è la sua efficacia nel combattere il cambiamento climatico.

Grazie alla loro opera di selezione, gli elefanti hanno, nel corso di millenni, contribuito a popolare le foreste africane di alberi secolari, con una straordinaria capacità di accumulare carbonio: semplicemente nutrendosi, gli elefanti africani contribuiscono a tenere pulita l'atmosfera - un lavoro, calcola il team, che equivale a qualcosa come 43 miliardi di dollari in opere e investimenti, per l'uomo. È dunque evidente che la scomparsa dell'elefante non solo causerebbe stravolgimenti epocali nelle foreste africane, ma ci porterebbe diversi passi indietro nella strada della lotta al cambiamento climatico.

2 agosto 2019 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us