È vero che il toro si arrabbia quando vede il mantello rosso?

Il toro non è capace di distinguere il rosso perché i suoi occhi mancano dei coni, cioè le cellule nervose della retina capaci di riconoscere i colori. Si scaglia infuriato contro il mantello del...

20021014102410_8

Il toro non è capace di distinguere il rosso perché i suoi occhi mancano dei coni, cioè le cellule nervose della retina capaci di riconoscere i colori. Si scaglia infuriato contro il mantello del torero per istinto e per il movimento del bersaglio. Nelle corride, infatti, viene utilizzata una razza di tori chiamata Brava, presente soltanto in Spagna e che da secoli viene selezionata ed addestrata per esaltarne la potenza e l'aggressività.
La bravura del torero, pagato anche 25 mila euro a corrida, sta nel distogliere l'attenzione della bestia, pesante 500 Kg, attirandola sulla mantellina con speciali movimenti detti veroniche (dal nome della donna che offrì un panno a Cristo sulla Via Crucis).
Anticamente la corrida era combattuta a cavallo con la spada, poi nel 1725 nel Circolo Ippico Reale di Madrid un giovane nobile fu disarcionato dal toro e il contadino Francisco Romero, primo torero moderno, saltò nell'arena, controllò il toro ondeggiando il suo sombrero e lo uccise con una spada lanciatagli dalla folla.

14 Ottobre 2002