Animali

Da felini selvatici a gatti domestici. Si vede nel DNA

Confrontando il genoma di mici domestici e gatti selvatici un gruppo di ricercatori ha trovato le tracce lasciate dall'uomo durante il processo di domesticazione.

Vivono accanto all’uomo da 9.000 anni ma il processo che ha portato alla domesticazione del gatto, da felino selvatico a micio casalingo, è ancora costellato di interrogativi. Ora però uno studio realizzato presso la Washington University School of Medicine di Saint Louis ha scoperto che l’azione dell’uomo ha lasciato il segno, letteralmente, nel genoma di questi animali. Un team di ricercatori ha infatti trovato alcune differenze tra il materiale genetico di esemplari selvatici e quello dei mici domestici, sequenziato completamento l'estate scorsa. E queste disuguaglianze sono associate proprio al rapporto tra loro e gli esseri umani.

Indizi domestici. Confrontando il genoma di sette razze di gatto domestico e due di gatto selvatico gli scienziati hanno constatato che le parti di DNA che non combaciano sono responsabili di aspetti comportamentali legati alla paura, alla capacità di rispondere agli stimoli e alla modulazione dell’aggressività. Secondo il genetista Wesley Warren, a capo della ricerca pubblicata sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences, queste caratteristiche si sono evolute nei gatti selvatici, Felis silvestris, proprio in seguito all'interazione con gli esseri umani.

Da nomadi ad agricoltori, gli uomini hanno adottato gli esemplari più docili e meno irruenti instaurando una reciproca collaborazione: per gli agricoltori i gatti erano efficaci alleati contro i topi e per i gatti gli uomini erano fornitori di cibo e riparo. Questa condizione ha poi fissato nel loro patrimonio genetico le caratteristiche che ancora oggi distinguono i felini selvaggi da quelli casalinghi, che sono più docili e più empatici nei confronti delle persone.

Gatti su Focus.it!

12 novembre 2014 Paola Grimaldi
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us