Animali

Che cos'è la falsa vedova (e se dobbiamo preoccuparcene)

La falsa vedova è un ragno velenoso sempre più diffuso in Europa: il suo morso può provocare sintomi più o meno gravi (e può anche mandare in ospedale).

Dalle Canarie all'Inghilterra ci sono quasi 4.000 km: una distanza notevole per noi esseri umani, figuratevi per un ragno. Eppure la Steatoda nobilis, quella che chiamiamo falsa vedova per la sua somiglianza con la vedova nera (Latrodectus mactans), ce l'ha fatta; ci ha messo circa 150 anni, ma ora è uno dei ragni più diffusi al mondo e uno dei più presenti in alcune zone d'Europa, specialmente nelle nostre case.

In espansione. Questo è un problema: un nuovo studio pubblicato su Clinical Toxicology dimostra che il morso della falsa vedova contiene un veleno così potente che può addirittura spedire un essere umano all'ospedale – il che, considerando la rapida espansione della specie, potrebbe trasformarsi in un'emergenza da non sottovalutare.

Come detto, la prima casa della falsa vedova era nell'Oceano Atlantico: la specie è originaria delle Canarie e dell'isola di Madeira, territori portoghesi situati al largo delle coste del Marocco. È proprio da lì che la Steatoda nobilis ha cominciato a diffondersi molto rapidamente, soprattutto negli ultimi 150 anni.

In tutto il mondo. Sfruttando i passaggi involontari offerti loro da aerei e navi cargo, questi ragni sono arrivati prima in Europa e in nord Africa, poi nel resto del mondo - negli Stati Uniti, per esempio, è stata riconosciuta come specie invasiva solo nel 2011, e tra il 2016 e il 2018 si è stabilita anche in Cile, Colombia ed Ecuador. L'Inghilterra e l'Irlanda si sono rivelate tra le mete predilette per le false vedove: le prime testimonianze di questo ragno in Inghilterra risalgono al 1879.

Oggi, la falsa vedova è, in Inghilterra e in Irlanda, una delle specie più diffuse. Il vero problema è che solitamente si stabilisce in ambienti urbanizzati, in particolare nelle case: l'88% dei morsi ufficialmente registrati sono avvenuti quando la vittima era a letto addormentata, oppure perché il ragno si era nascosto in un vestito o in una scarpa. Fino a oggi si era dibattuto dell'effettiva pericolosità del morso di Steatoda nobilis, ma lo studio dell'università di Galway dimostra che può provocare una vasta gamma di sintomi più o meno gravi, e che possono portare anche all'ospedalizzazione della vittima: dal gonfiore localizzato e persistente nella zona del morso a brividi, nausea, variazioni della pressione sanguigna e difficoltà di movimento.

Un database in aiuto. Lo studio presenta anche un database genetico da utilizzare in ospedale quando si tratta con un sospetto morso di falsa vedova: capita spesso che sia impossibile identificare il "colpevole" di un morso perché la prima reazione è schiacciarlo, e riconoscere rapidamente se si tratta di veleno di falsa vedova o di un'altra specie può essere decisivo per il trattamento.

10 giugno 2021 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us