Animali

Dinosauri: scoperto un nuovo allosauro

Nello Utah un vecchio fossile rinvenuto negli anni Novanta è stato classificato come una nuova specie di allosauro, la più antica del pianeta.

Se il tirannosauro era la Marilyn Monroe dei dinosauri, l'icona, la star più nota e apprezzata, Allosaurus fragilis era Mae West: stesso talento, stessa posizione nella catena alimentare, solo un po' meno famosa, schiacciata dalla fama clamorosa della rivale. Lunga fino a dieci metri, pesante fino a due tonnellate, la "lucertola diversa" era il classico feroce predatore preistorico, nonché l'unico rappresentante del suo genere in tutto il Nord America. Almeno questo si pensava fino a pochi giorni fa, quando Daniel Chure e Mark Loewen del Natural History Museum of Utah hanno pubblicato su PeerJ uno studio su alcuni campioni fossili di Allosaurus conservati presso il museo. I risultati? Esiste un'altra specie di allosauro nordamericano, Allosaurus jimmadseni, che è vissuta 155 milioni di anni fa, 5 milioni di anni prima del "cugino" fragilis.

Vecchio allosauro, quanto tempo è passato... Allosaurus jimmadseni, il cui nome è un omaggio al paleontologo James Madsen, scomparso nel 2009, è la specie di allosauro più antica del mondo, e la sua scoperta risolve, almeno temporaneamente, un dilemma sul quale i paleontologi discutono dal 1877, quando Othniel Marsh identificò il genere: quante specie di allosauro esistevano in America? Prima della (ri)scoperta di jimmadseni la risposta era "una sola", ma Chure e Loewen, rianalizzando un fossile dissotterrato nel lontano 1990, hanno notato differenze evidenti tra il suo cranio e quello di fragilis: la nuova specie aveva tra le altre cose una struttura più leggera e un campo visivo più ristretto, il che suggerisce che l'animale avesse abitudini alimentari diverse da quelle del suo successore.

Non ditelo alla BBC. Oltre a rivoluzionare la tassonomia del genere Allosaurus, almeno per il nord America, la scoperta di jimmadseni potrebbe anche rivelarsi causa di imbarazzo retroattivo per nientemeno che la BBC. Nel Natale del 2000, infatti, all'interno della serie Walking with Dinosaurs, la tv nazionale inglese mandò in onda uno speciale di due puntate, The Ballad of Big Al, dedicato proprio a quello che si credeva essere un fossile di Allosaurus fragilis ("Big Al", appunto) scoperto nel 1991. Ebbene, lo studio di Chure e Loewen dimostra che Big Al è un altro di (molti) fossili di allosauro che è stato identificato come fragilis ma che in realtà era jimmadseni...

4 febbraio 2020 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us