Animali

La deforestazione come la riforestazione: favoriscono le zoonosi

Non è solo la deforestazione a favorire le zoonosi: anche la riforestazione può contribuire alla diffusione di malattie che passano dagli animali all'uomo.

Uno degli involontari "vantaggi" (meglio usare le virgolette...) di questo anno e oltre di pandemia è che abbiamo imparato una serie di concetti che prima del 2019 sembravano riservati solo agli addetti ai lavori. Pensate al termine "zoonosi": prima del Covid-19 quanta gente avrebbe saputo dare un nome al rischio che una malattia passi da un animale a un essere umano? Un altro concetto importante che abbiamo imparato è che la distruzione dell'habitat e l'antropizzazione estrema hanno un forte impatto sulla probabilità che una patologia faccia il salto di specie: la scomparsa delle zone naturali in favore di aree urbane o campi coltivati facilita il contatto tra specie animali selvatiche e domestiche, e infine con l'uomo.

Sembra un paradosso. La deforestazione – che è una parola con la quale abbiamo familiarità da qualche anno in più – è uno dei motori principali di questo fenomeno, ma secondo un nuovo studio pubblicato su Frontiers in Veterinary Science non è l'unico: per quanto possa sembrare paradossale a una prima occhiata, anche la riforestazione può fare danni analoghi.

Lo studio nasce da una considerazione: sappiamo benissimo che la deforestazione ha un impatto negativo sulla biodiversità, sul clima e sulla salute umana, come dimostrano le epidemie di malaria che regolarmente colpiscono le aree del Brasile dove è stata tagliata la foresta amazzonica, ma non abbiamo ancora studiato questi fenomeni nel dettaglio.

Il confronto. Gli autori dello studio Serge Morand e Claire Lajaunie hanno quindi confrontato, per il periodo che va dal 1990 al 2016, i cambiamenti nella copertura forestale in giro per il mondo con altri due fattori: i cambiamenti nella densità di popolazione e l'emergenza di epidemie zoonotiche in quelle aree. I due hanno fatto lo stesso confronto per le aree riforestate: per esempio tutte quelle praterie naturali che vengono trasformate in piantagioni di alberi, ma anche le terre agricole abbandonate che vengono "riconvertite" in foreste.

I risultati dicono che c'è una forte (e prevedibile) associazione, in particolare in Paesi della fascia tropicale come Brasile, Perù, Congo e Indonesia, tra deforestazione ed epidemie zoonotiche, per esempio malaria o Ebola. Ma le regioni temperate, dove la riforestazione è molto diffusa, hanno un problema analogo: negli Stati Uniti, in Cina e in gran parte dell'Europa, il rimboschimento è chiaramente collegato all'emergenza di patologie come il morbo di Lyme.

Il significato di riforestare. Uno dei casi più evidenti è quello di Cina e Thailandia: "riforestare" lì significa sempre più spesso "piantare intere foreste di palma da olio", monocolture che non favoriscono la biodiversità e trasformano le poche specie rimaste in potenziali vettori zoonotici per patologie come la febbre gialla e la zika.

Il problema, quindi, non è tanto nella riforestazione in sé, ma nel fatto che abbattere una foresta naturale e "completa" per sostituirla con una monocoltura è dannoso almeno quanto raderla al suolo e trasformarla in una piantagione di riso. La morale dello studio? Non basta proteggere le foreste, bisogna proteggere quelle sane.

2 aprile 2021 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us