Animali

Davvero la natura si è ripresa i suoi spazi durante il lockdown?

Durante il primo lockdown globale dovuto alla pandemia di COVID si diceva spesso che la natura si stava riprendendo i suoi spazi: era vero?

La pandemia di COVID-19, della quale da qualche tempo possiamo ufficialmente parlare al passato, ha cambiato le nostre vite, e rimarrà indelebile nei nostri ricordi per sempre. Con la pandemia sono entrate nel nostro linguaggio quotidiano una serie di parole ed espressioni, da "lockdown" a "tampone negativo" passando ad altre non direttamente collegate al virus.

Per esempio: vi ricordate il primo lockdown, quello iniziato (per noi) a marzo 2020, durante il quale le città erano svuotate perché eravamo tutti in casa? Abbiamo visto diverse immagini di animali selvatici vagare per le strade deserte, e si diceva spesso che "senza l'uomo, la natura si riprende i suoi spazi". Ora uno studio pubblicato su Science mette alla prova quest'affermazione... confermando che era tutto vero.

Lockdown e spostamenti. Lo studio è stato concepito da Marlee Tucker della Radboud University di Nimega, in Olanda, ed è un'analisi degli spostamenti, durante il lockdown, di 43 diverse specie di mammiferi terrestri, per un totale di circa 2.300 individui che andavano dalle giraffe agli orsi, dagli elefanti ai cervi.

I dati del 2020, raccolti tramite radiocollare e GPS, sono stati confrontati con quelli dello stesso periodo (da gennaio a maggio) dell'anno precedente, per scoprire come questi mammiferi avessero cambiato le loro abitudini in nostra assenza. Le differenze sono evidenti e saltano subito all'occhio: in quei mesi senza persone tra i piedi, i mammiferi selvatici si sono mossi di più, percorrendo il 73% di strada in più rispetto al periodo di "normalità" del 2019. Inoltre, senza umani i mammiferi selvatici si sono avvicinati più spesso alle strade, che nella primavera del 2020 erano deserte, usandole come punto di riferimento per i loro spostamenti.

Meno umani, più sicurezza. Che ci sia un legame tra la presenza umana e gli spostamenti dei mammiferi è confermato dal fatto che, nelle aree dove il lockdown era più rilassato e meno restrittivo, gli animali si sono mossi di meno rispetto ai loro colleghi presenti in aree dove il governo aveva decretato la chiusura totale. Non è difficile spiegare queste differenze: senza umani in giro, gli animali selvatici si sentivano più liberi e meno in pericolo, e hanno quindi vagato di più in aree che per loro erano normalmente off limits.

Secondo gli autori, lo studio è una buona notizia: significa che gli animali selvatici reagiscono direttamente alle nostre azioni e cambiano il loro comportamento di conseguenza. Questo significa che una conservazione efficace passa anche dalla nostra capacità di modificare le nostre abitudini di vita in maniera vantaggiosa non solo per noi, ma per tutti gli animali (e la natura in generale).

27 giugno 2023 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us