Animali

Curare i figli ci ha resi più intelligenti?

Un nuovo studio suggerisce che l'investimento energetico nell'accudimento dei figli può aver contribuito a rendere alcune specie più intelligenti.

"È nato prima l'uovo o la gallina?" è un classico quesito che si può risolvere con gli strumenti dell'evoluzionismo, e che si può ritrovare in infinite variazioni nel mondo naturale. Per esempio, le specie più intelligenti (o meglio, quelle con il cervello più grosso) sono anche quelle che dedicano più energie alla cura dei figli: c'è un collegamento tra le due cose? Qual è la causa, e quale l'effetto? Uno studio pubblicato su PLOS Biology propone una risposta a questa domanda, ottenuta analizzando le differenze cerebrali e di investimento parentale in un gran numero di specie animali.

Cervelli in crescita. Avere un cervello di grandi dimensioni significa avere capacità cognitive più complesse e quindi, in ultima analisi, più possibilità di sopravvivere e prosperare; ma significa anche dover investire parecchie energie per farlo funzionare, e questo costo potrebbe essere un fattore limitante alla crescita stessa del cervello.

Finora, però, tutti gli studi si sono concentrati sui cervelli adulti; ma il cucciolo di un animale con il cervello grosso ha bisogno di tanta energia per svilupparsi, una questione che viene affrontata per la prima volta in questa nuova pubblicazione. Alla base dello studio c'è un paradosso apparente: più un cervello è grosso, più ha bisogno di energia per funzionare; ma il cervello di un animale che sta crescendo non è pienamente attivo fino a che non raggiunge l'età adulta, e dovrebbe quindi fungere da limite alla sua stessa crescita. Dove trovano le energie questi animali? La risposta è: nei genitori.

Grazie genitori! Non esiste una regola valida per tutte le specie viventi, ma in generale gli animali a sangue caldo hanno evoluto cervelli più grandi e complessi di quelli a sangue freddo. Oltre a questo, hanno anche evoluto cure parentali più complete: non si limitano a deporre un uovo e lasciarlo crescere, ma curano il piccolo dalla nascita fino a che non è indipendente, allattandolo, procurandogli il cibo, tenendolo caldo...

Lo studio evidenzia un parallelismo evidente tra l'evoluzione di queste cure complesse e l'aumento delle dimensioni del cervello: in altre parole, l'energia necessaria allo sviluppo di un cervello complesso proviene "da fuori", dalle cure parentali. Durante lo sviluppo, quindi, questi animali hanno a disposizione tutta l'energia che serve per "coltivare" il loro cervello e le loro capacità cognitive; quando toccherà a loro diventare genitori, poi, potranno restituire tutto quanto ai figli, sacrificando una parte delle loro energie in favore del loro sviluppo.

11 marzo 2023 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us