Animali

I coyote stanno imparando a cacciare (anche) l'uomo. Ed è colpa nostra

Abbiamo scoperto cosa c'è dietro l'unico attacco fatale mai registrato di un coyote a un essere umano: questa specie è costretta a cambiare dieta per sopravvivere.

Ci sono delitti che richiedono anni, a volte decenni per essere risolti. Nel 2009, per esempio, in un parco nazionale canadese, un'escursionista di 19 anni venne aggredita e uccisa da un branco di coyote: si tratta del primo e finora unico caso documentato di un attacco letale a un essere umano da parte di questi canidi, che possono essere una minaccia per il bestiame ma solitamente si tengono alla larga da noi. Tredici anni dopo, grazie a uno studio pubblicato sul Journal of Applied Ecology, abbiamo una risposta: l'attacco fu una conseguenza del degradamento delle condizioni ambientali, e della necessità dei coyote di modificare la propria dieta.

 

Niente piante, solo alce. L'attacco alla 19enne Taylor Mitchell, cantante folk canadese autrice di un solo disco prima dell'incidente fatale, è avvenuto nel Parco Nazionale degli Altipiani di Cape Breton, in Nuova Scozia. E proprio da qui è partito lo studio della Ohio State University; il team ha selezionato 11 coyote locali e li ha dotati di collare GPS, per monitorarne i movimenti ma anche per avere accesso ai loro escrementi: lo scopo era capire di che cosa si nutrissero gli animali, e se la loro dieta fosse diversa da quella classica dei coyote – che è solitamente onnivora, ricca non solo di carne ma anche di piante. Nel corso di quattro anni di monitoraggi, il team ha scoperto che la dieta dei coyote di Cape Breton è composta per due terzi di carne di alce, e che le prede più piccole sono presenti in misura molto minore.

 

Di necessità virtù. Questa preferenza non è normale, perché gli alci sono animali di grosse dimensioni e molto difficili da cacciare per un branco di coyote: quelli di Cape Breton, secondo lo studio, lo fanno per necessità, in carenza o assenza dei loro cibi preferiti (cioè prede più piccole e meno rischiose). Il problema quindi non è legato alla specie ma al suo habitat: i coyote di Cape Breton si sono dovuti adattare alla situazione di degrado ambientale, e hanno dovuto espandere la loro dieta per includere prede più grosse - come i lupi della Mongolia costretti a cambiare dieta a causa della bassa biodiversità e che, in mancanza di prede selvatiche, si nutrono di quelle domestiche al pascolo.

Questo, secondo gli autori dello studio, significa sfortunatamente che hanno anche imparato ad andare a caccia di umani: il famigerato attacco del 2009 è una conseguenza del peggioramento delle condizioni ambientali, ed è quindi (neanche troppo indirettamente) colpa nostra. Secondo gli autori, comunque, anche in futuro attacchi di questo tipo rimarranno estremamente rari e legati a particolari condizioni locali; che sarà importante identificare in anticipo, così da mettere in guardia chi vive o visita un'area a rischio.

24 dicembre 2022 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us