Animali

Cosa mangiavano gli ittiosauri

Forse i rettili marini non si sono estinti perché non avevano più prede. Lo diceun fossile cui il cibo è rimasto sullo stomaco.

Cosa mangiavano gli ittiosauri
Forse i rettili marini non si sono estinti perché non avevano più prede. Lo diceun fossile cui il cibo è rimasto sullo stomaco.

La ricostruzione di alcuni ittiosauri nei mari giurassici. Si è scoperto che la loro dieta era più ampia di quanto si pensasse.
La ricostruzione di alcuni ittiosauri nei mari giurassici. Si è scoperto che la loro dieta era più ampia di quanto si pensasse.

Gli ittiosauri, rettili marini dalla forma molto simile a quella dei delfini, popolavano gli oceani nel mesozoico, quando i dinosauri dominavano la terraferma. E, come i dinosauri, si estinsero circa 90milioni di anni fa, prima dei loro cugini. Si pensava che l'estinzione dei rettili marini fosse dovuta alla mancanza di prede, grossi molluschi chiamati belemniti. Ma il ritrovamento, nello stomaco di un fossile di ittiosauro australiano, di resti di una piccola tartaruga e di uccello fanno pensare che l'ipotesi sia scorretta.
Il dottor Benjamin Kear del South Australian Museum di Adelaide, che ha ritrovato il fossile, pensa che non tutto quello che sappiamo sulla dieta degli ittiosauri sia corretto. Secondo lui, questi rettili marini erano predatori opportunistici, che si nutrivano di quello che trovavano, non solo di molluschi o pesci. Una tartarughina appena nata e un uccello (magari morto) trovato in mare sono sempre delle ottime prede.
Competizione tra rettili. La ragione della loro estinzione potrebbe anche non essere quindi dovuta alla scomparsa delle belemniti, ma alla competizione con altre specie. Alla fine del periodo in cui vissero gli ittiosauri, infatti, cominciarono a comparire nel mare i primi pesci ossei moderni, e anche alcuni plesiosauri (altri rettili marini predatori). Forse queste nuove specie erano molto più efficienti, e spinsero gli ittiosauri all'estinzione.

(Notizia aggiornata al 5 agosto 2003)

30 luglio 2003
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us