Animali

Conigli come l'uomo: in città hanno tane più piccole

Pur di abitare nei centri urbani ci si accontenta di piccoli monolocali: vale anche per i conigli. Ma la carenza di spazio è compensata da altri vantaggi.

Spesso, per avvicinarsi alla città e al luogo di lavoro, dobbiamo ripiegare su una casa più piccola. Se vi consola, per i conigli vale lo stesso: nel loro caso però sono le regole di sopravvivenza, e non i costi proibitivi, a decidere le dimensioni della tana.

Amicizia di lunga data. Un gruppo di ricercatori dell'Università di Francoforte, Germania, ha condotto un censimento dei conigli europei (Oryctolagus cuniculus) presenti in 9 parchi cittadini e in alcune aree rurali fuori dal centro urbano. Gli abitanti di Francoforte convivono con i conigli dal 1930. Poiché la caccia e la perdita dell'habitat stanno decimando i conigli di campagna, capire come questi animali si ambientino in città potrebbe contribuire alla loro conservazione.

Ville o appartamenti? Dall'analisi di 191 tane è emerso che quelle di campagna sono più complesse ed estese, con cunicoli più lunghi e diverse uscite, e situate in grandi agglomerati particolarmente isolati: un po' come le grandi case di campagna degli esseri umani. Le tane di città, al contrario, sono più piccole e semplici, distribuite a distanze più regolari: come i tanti monolocali dei nostri palazzi metropolitani.

Meno nemici. Tre i fattori che spiegano la diversa distribuzione. Il primo: in campagna, l'abbondanza di predatori spinge i conigli a costruire tane con molteplici vie di fuga. Nel ventre della città i predatori non sono poi molti, e non occorre sprecare energie nella costruzione di tane complesse.

Più cibo e calore. I grandi gruppi funzionano meglio dove il cibo è scarso, e servono più forze da destinare alla caccia: in città, la presenza dell'uomo garantisce cibo più accessibile: per sopravvivere bastano gruppi più piccoli. Inoltre, le grandi città hanno temperature più alte rispetto ai piccoli centri rurali. Non c'è quindi grande necessità di tenersi "vicini vicini" per combattere il freddo.

5 febbraio 2015 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us