Animali

In che modo si può tenere l'orso alla larga dall'uomo (e al sicuro)?

Una ricerca canadese suggerisce come progettare gli spazi urbani affinché non si creino occasioni di pericolosi incontri tra orso e uomo.

Chi si occupa di conservazione della natura, e in particolare del rapporto tra gli animali selvatici e gli ambienti urbani, lo dice da anni: l'orso non è pericoloso per noi umani, a meno che non gli si permetta di avvicinarsi sempre di più ai centri abitati, aumentando le possibilità di incontri spiacevoli per noi e per lui.

Ecco la soluzione. In Canada, in particolare, dove la popolazione di orsi è abbondante, il problema si sta presentando sempre più spesso con il passare degli anni (e la distruzione dell'habitat): sono sempre più frequenti le notizie di orsi che scoprono una fonte di cibo ottima e abbondante in un'area urbanizzata e si rifiutano di abbandonarla, e devono venire gentilmente "accompagnati" lontano dal quartiere oppure, nei casi peggiori, soppressi in quanto pericolosi.

Un nuovo studio della Irving K. Barber Faculty of Science, nella British Columbia, pubblicato su Ecological Modelling, propone una soluzione a questo problema, grazie a un modello informatico che prevede i movimenti degli orsi in ambienti metropolitani e facilita quindi la pianificazione urbana.

I ricercatori hanno preso come modello la città di Whistler, nella British Columbia, che ha appena 12.000 abitanti fissi e un numero più alto, e sempre variabile, di abitanti stagionali: si tratta infatti di una delle località sciistiche più note del Canada, dove, per esempio, si tennero la gran parte delle gare all'aperto delle Olimpiadi invernali del 2010.

Con i gps. Whistler è anche visitata dall'orso nero, che negli ultimi anni si sta avventurando sempre più spesso nei quartieri periferici della città in cerca di cibo: i loro spostamenti vengono controllati da anni via GPS, e il team di ricerca è partito proprio da questi dati per costruire il suo modello. Che non si "nutre" solo di numeri relativi agli orsi, ma anche di una serie di informazioni sulla città studiata (le sue caratteristiche urbanistiche, quelle del paesaggio, la concentrazione di popolazione umana nei diversi quartieri): sommando tutti questi dati, il software ha ricostruito l'intera area di Whistler individuando i luoghi più attraenti per gli orsi neri e modellandone i percorsi attraverso la città.

In questo modo, il team ha scoperto che a guidare l'orso nero nei suoi spostamenti è la presenza di quello che si chiama cibo antropogenico, quindi collegato alla nostra presenza: i bidoni della spazzatura che contengono avanzi, per esempio, ma anche certi cespugli piantati per bellezza e le cui bacche fanno gola agli orsi stessi.

I quali si spostano dentro le nostre città inseguendo queste fonti di cibo: il modo migliore per tenerli alla larga, quindi, è pianificare gli spazi urbani facendo sì che questi attrattori non siano facilmente raggiungibili.

Oppure... L'altra soluzione, secondo gli autori dello studio, è utilizzare deterrenti di vario genere, per esempio i cosiddetti "bear bangers", piccoli razzi rumorosi e colorati che scattano quando un orso si avvicina troppo – che sono efficaci, sì, ma solo temporaneamente, perché una volta passata la paura l'animale tornerà alla carica. Dovendo scegliere, quindi, la soluzione migliore per impedire agli orsi di avvicinarsi troppo ai centri abitati è quella di ridurre o eliminare tutto quello che potrebbe attirarli: per esempio evitando di tenere i bidoni della spazzatura in strada, o scegliendo un verde urbano che non produca ghiottonerie.

27 giugno 2021 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us